Quando piantare peperoncini in vaso

Quando piantare peperoncini in vaso

Cura delle piante di peperoncino

Nei mesi invernali, i peperoncini crescono nelle case di molti allevatori. Tutti i semi vengono fatti germogliare sul davanzale della finestra o le piante dell’ultima stagione trascorrono l’inverno in una stanza luminosa. Se non avete un giardino o un balcone, potete coltivare le piante di peperoncino tutto l’anno in casa. Come coltivare i peperoncini in casa:

Tutte le specie di peperoncino sono adatte come piante da appartamento. Lo spazio in appartamento è più limitato rispetto all’aperto. Un’abile selezione delle varietà di peperoncino fa sì che questo svantaggio non abbia peso. Solo una luce troppo scarsa può diventare un problema quando si piantano i peperoncini in casa.

I peperoncini hanno bisogno di calore per germinare e crescere. Dalla semina alla fioritura passano circa tre mesi. I frutti maturano in altri tre mesi. Se non si inizia a coltivare gli Habanero {: class=”chili-link”} prima dell’ultima gelata di metà maggio, il raccolto in giardino non avrà successo. Per le piante di peperoncino che amano il caldo e che hanno un periodo di maturazione di 90 giorni, dovreste iniziare a coltivare i peperoncini in casa già a gennaio.

Al più tardi quando l’autunno si avvicina, è il momento di portare le piante di peperoncino in casa. La maggior parte delle specie di Capsicum si danneggia al di sotto dei 6°C. Prima perdono fiori e foglie. Al di sotto di – 0,7 °C significa morte certa per i Capsicum annuum e frutescens. Lo svernamento in casa è possibile senza problemi. Troppo poco sole è un fattore critico. In questo caso, però, ci si può facilmente aiutare con le luci per piante.

  Piante da frutto in vaso prezzi

I migliori peperoncini da coltivare in vaso

A differenza di altri Paesi del mondo, da noi non c’è il clima giusto per coltivare con successo i peperoncini all’aperto. È possibile, ma i risultati e i livelli di raccolto non sono altrettanto buoni. In base alla mia esperienza personale, i peperoncini crescono molto meglio al chiuso o in serra e i raccolti saranno di gran lunga migliori. Tutti i peperoncini amano il calore e hanno bisogno di una stagione abbastanza lunga per crescere dal seme al frutto. I semi dovrebbero essere piantati il più presto possibile, in modo da raccogliere molto prima che le giornate inizino a raffreddarsi e le notti ad allungarsi verso la fine dell’estate. Personalmente, mi propongo di piantare verso la metà di marzo, ma l’obiettivo è avere piantine pronte per essere trapiantate in vasi più grandi quando il clima primaverile si riscalda e le temperature notturne sono costantemente superiori ai 10 gradi centigradi.

Per la semina si possono usare vassoi da semina a più celle o vassoi di grandi dimensioni: entrambi vanno bene, ma i vassoi a più celle consentono un trapianto più facile e sicuro in seguito. Dovete usare un compost di buona qualità e di uso comune, non usate terra da giardino. La terra da giardino contiene insetti e funghi e influisce negativamente sulle prestazioni delle piantine. Visitate il vostro centro di giardinaggio locale; avranno una buona selezione.

Trapianto di peperoni in vaso

Coltivare peperoncini in casa è facile e si può scegliere tra una grande varietà di tipi diversi. Che vogliate sapore, calore o colore, c’è un seme di peperoncino per ogni occasione. I peperoncini coltivati in casa possono essere delicatamente delicati o ferocemente piccanti. Incredibilmente versatili, possono essere coltivati su davanzali soleggiati, in serra o direttamente nel terreno. Sono perfetti anche per i contenitori e i loro frutti dai colori vivaci sono un ottimo modo per ravvivare giardini d’inverno o terrazze.

  Piante in vaso pieno sole

I peperoncini contengono una sostanza chimica chiamata capsaicina che stimola le terminazioni nervose delle membrane mucose; è questo che li fa sentire piccanti quando li si morde. La quantità di calore dipende dalla varietà, dalla maturità della pianta e dalle condizioni di coltivazione.

Il calore di ogni peperoncino è misurato dalla scala Scoville. Nel 2017, il frutticoltore gallese Mike Smith ha accidentalmente coltivato l’esemplare più piccante del mondo. Con un valore di 2,48 milioni sulla scala Scoville, gli esperti dicono che uno solo dei suoi peperoncini “Dragon’s Breath” è sufficiente a scatenare uno shock anafilattico!

Coprire le piante di peperoncino

Ci piace coltivare i peperoni nella nostra serra. Ne piantiamo alcuni in piena terra, ma coltiviamo peperoni anche in contenitori. Se vi state chiedendo quale sia la dimensione del contenitore per le piante di peperoncino migliore per far crescere piante rigogliose, ecco l’ideale.

Scegliete un vaso di almeno 8 pollici; un vaso da 2 galloni è la misura giusta. Se possibile, però, aumentate le dimensioni fino a coltivare le piante di peperone in un vaso da 12 pollici; questa misura darà alle radici molto spazio per crescere.

I nostri peperoni nascono dai semi in bicchieri di polistirolo (che riutilizziamo più volte – mi assicuro solo di lavarli bene). L’anno in cui ho scattato queste foto, ho seminato i vasetti all’inizio di aprile e li ho messi sotto una luce di coltivazione nel nostro seminterrato.

  Quando piantare la lavanda in vaso

La foto qui sopra è stata scattata il 6 maggio (cinque settimane dopo), quando ho spostato le piantine di peperone al piano superiore per sistemarle in una finestra esposta a sud. Questo dimostra quanto siano lente le piante di peperone. Quindi, siate pazienti quando coltivate il peperone da seme.

Inoltre, non possiamo nemmeno basarci sulla “data dell’ultimo gelo”. Qui abbiamo assistito a gelate in luglio (sorpresa!) che hanno ucciso le nostre piante di patate. Per tutti questi motivi, coltiviamo i peperoni solo nella nostra serra non riscaldata.

Sonia Ricci

Sonia Ricci è una studentessa di biologia e blogger che scrive della sua prospettiva unica sulla scienza. Il suo blog tratta argomenti che vanno dalle ultime ricerche sull'impatto del cambiamento climatico alle opinioni sulle implicazioni etiche delle nuove tecnologie genetiche. Sonia è appassionata nel rendere la scienza accessibile a tutti e crede che tutti possano trovare qualcosa di interessante nella biologia se si prendono il tempo di cercarlo: seguite il suo blog per aggiornamenti regolari!