Pianta di capperi in vaso

Pianta di capperi in vaso

Vendita di piante di cappero nel Regno Unito

Amati o odiati, i capperi sono quelle piccole “bacche” verdi che di solito vengono vendute in barattolo o sotto sale. Ma i capperi non sono bacche, bensì boccioli di fiori non aperti. I fiori sono estremamente ornamentali.

La maggior parte delle persone che detestano i capperi lo fa a causa del processo di sottaceti o dell’eccesso di sale. Se consumati freschi hanno un sapore completamente diverso. Il loro sapore pungente e piccante è un ingrediente essenziale dei piatti mediterranei e di numerosi piatti di pesce.

La pianta del cappero è un arbusto semiduro e deciduo. Ha bisogno di una posizione soleggiata con almeno 6 ore di sole al giorno in estate. Ha bisogno di una temperatura minima di 10°C (50°F) e si coltiva meglio in una serra o in un giardino d’inverno ben illuminato. Tuttavia, può tollerare temperature più basse se il terriccio viene mantenuto asciutto.

Prima di seminare i semi, metterli a bagno per 2 o 3 giorni in acqua tiepida. Seminare dalla fine dell’inverno alla fine della primavera in vasi con un buon terriccio da semina, umido ma ben drenato, a una temperatura di 18-21°C (65-70°F), possibilmente in un propagatore riscaldato.

Semi di cappero

David Rosengarten:  C’è una pianta chiamata capparis spinosa. Quando la pianta crea un bocciolo – che inizia ogni anno in primavera – questo bocciolo diventerà un fiore. Tuttavia, se si raccoglie il bocciolo prima che diventi un fiore, si tratta di un cappero. In realtà, dovremmo chiamarlo bocciolo di cappero; l’intera pianta è una pianta di cappero e ha varie parti, ma quello che tutti chiamiamo cappero è un bocciolo di cappero.

  Pianta di fagiolo in vaso

DR: Se si lascia il bocciolo sulla pianta, un paio di settimane dopo si apre e nasce un fiore, un bellissimo fiore bianco e viola. Se si lascia cadere il fiore, viene sostituito un po’ più tardi nella stagione da un frutto. Questo frutto si chiama bacca di cappero.

Assomiglia a un’oliva, è oblunga. È molto più grande di un bocciolo di cappero, ha un sapore simile e viene trattato in modo simile. Non ha un sapore così intenso come il bocciolo di cappero, ma ha un sapore molto simile ed è davvero delizioso.

DR: I capperi sono coltivati in tutto il Mediterraneo. Alcuni sono coltivati in Asia e in Australia. La maggior parte degli addetti ai lavori vi dirà che i capperi migliori provengono da una piccola isola chiamata Pantelleria, al largo della costa siciliana, in Italia. In realtà fa parte della Sicilia, ma geograficamente si trova tra la Sicilia e l’Africa. In realtà è un po’ più vicina alla Tunisia che alla parte principale della Sicilia. Ma è così. È il paradiso dei capperi.

Vendita piante di capperi Eureka

I capperi sono quelle piccole “bacche” verdi che si possono acquistare sia confezionate sotto sale che in barattolo. Il loro sapore piccante e caratteristico è un ingrediente essenziale di molti piatti mediterranei. Gli spaghetti alla puttenesca sono ricchi di capperi, oppure potete provare il burro di capperi sul pane croccante o i capperi come ripieno per il pesce… gnam! Ma sapevate che in realtà non si tratta di una bacca e nemmeno di un frutto, bensì del bocciolo non aperto del cespuglio di capperi?

  Pianta di cocomero in vaso

L’arbusto del cappero, Capparis spinosa (o anche Capparis spinosa var rupestris e Capparis spinosa var inermis), produce questi boccioli fiorali non aperti, utilizzati in cucina da oltre 5000 anni.  Si dice che Cleopatra li abbia serviti durante i banchetti per conquistare l’amore di Marco Antonio e Giulio Cesare. Questo sì che è un gioco da ragazzi! Si ritiene che abbiano anche proprietà medicinali, come il trattamento della dermatite.

Il cappero cresce bene in condizioni molto secche, poiché proviene dal Mediterraneo, dall’Africa settentrionale e dal Medio Oriente, il che significa che preferisce condizioni simili a quelle dell’uva, delle olive e dei pistacchi. Il Marocco, la Spagna, l’Italia, la Grecia e la Turchia hanno industrie commerciali di capperi. In Australia, i capperi sono coltivati sia nell’Australia Occidentale che in quella Meridionale, ad esempio sui pendii rocciosi e asciutti sopra il fiume Murray, senza irrigazione supplementare. Negli Stati Uniti, il cappero prospera nella California costiera e viene coltivato con successo anche in Sudafrica e Nuova Zelanda. (Vedere i fornitori di semi/pianta qui sotto).

Come coltivare i capperi da seme

Gemma Johnstone è un’esperta di giardinaggio che ha scritto più di 120 articoli per The Spruce su come curare una grande varietà di piante da tutto il mondo. Ha viaggiato in tutta Europa e ora vive in Italia.

Forse conoscete i capperi, utilizzati in tutto il mondo per scopi culinari, senza sapere che in realtà provengono da un arbusto popolare (e molto bello). Originario del Mediterraneo, il cespuglio di capperi viene coltivato soprattutto per i suoi boccioli non maturi, che vengono raccolti, essiccati e messi in salamoia, per poi essere utilizzati per aggiungere un’esplosione di sapore intenso e piccante a una varietà di piatti.

  Quali piante possono stare nello stesso vaso

Anche se non siete amanti dei capperi, queste piante possono essere un’ottima aggiunta al vostro giardino. Piantati in primavera, i cespugli di capperi producono fiori bianchi profumati e ornamentali con bellissimi stami viola. I fiori durano solo un giorno, ma se lasciate che il cespuglio si diffonda liberamente, è probabile che vedrete i fiori per tutta l’estate.

Queste piante crescono lentamente, raggiungendo la maturità in circa due anni e raggiungendo la produzione ottimale di boccioli l’anno successivo. Si adattano bene ai terreni ghiaiosi, quindi possono essere un’ottima aggiunta a un cortile o a un giardino roccioso che riceve molta luce solare. I cespugli di capperi tradizionali hanno spine appuntite sulle loro viti, ma molte varietà commerciali sono state sviluppate per essere prive di spine.

Sonia Ricci

Sonia Ricci è una studentessa di biologia e blogger che scrive della sua prospettiva unica sulla scienza. Il suo blog tratta argomenti che vanno dalle ultime ricerche sull'impatto del cambiamento climatico alle opinioni sulle implicazioni etiche delle nuove tecnologie genetiche. Sonia è appassionata nel rendere la scienza accessibile a tutti e crede che tutti possano trovare qualcosa di interessante nella biologia se si prendono il tempo di cercarlo: seguite il suo blog per aggiornamenti regolari!