Quando si piantano le viole

Quando si piantano le viole

Significato delle viole

Le violette sono disponibili in un intero arcobaleno di colori. La maggior parte di esse si trova in tonalità gioiello brillanti, ma esistono varietà pastello più morbide che costituiscono un accento perfetto per le decorazioni primaverili. Molti tipi presentano anche fiori multicolori con motivi intricati sul viso che sembrano dipinti a mano. Oltre al loro aspetto affascinante, le violette sono anche una pianta annuale profumata.

Questa piccola pianta può essere utilizzata come fiore reciso in un piccolo vaso di fiori. Inoltre, i petali di violetta commestibili possono essere usati per guarnire torte e pasticcini o gettati nell’insalata per un tocco di colore brillante. Attenzione: Consumate solo fiori di cui sia nota la provenienza priva di pesticidi.

Molte forme di violette si coltivano meglio in un ambiente boschivo, con terreni ricchi e organici. Anche se le violette si adattano bene al freddo, non tollerano né la siccità né il caldo. Assicuratevi che le viole abbiano un’umidità costante, soprattutto nei mesi più caldi. Quando si coltivano viole di tipo annuale in contenitori, scegliere un terriccio ben drenato. L’uso di un fertilizzante a lento rilascio aiuterà a favorire una fioritura continua.

Semi di violetta selvatica

Jon VanZile è un maestro giardiniere che ha scritto contenuti per The Spruce per oltre un decennio. È autore di “Houseplants for a Healthy Home” (Piante da appartamento per una casa sana) e i suoi scritti sono apparsi anche sul Chicago Tribune e su Better Homes & Gardens, tra gli altri. Jon ha iniziato a collezionare piante oltre 10 anni fa e mantiene una collezione crescente di piante rare e tropicali.

Le violette africane sono una delle piante d’appartamento più popolari al mondo e per una buona ragione. Queste piante compatte e a bassa crescita fioriscono più volte all’anno e sono disponibili in una moltitudine di forme e colori delle foglie. Le violette africane si distinguono per una rosetta di foglie spesse e sfocate e per i fiori simili a violette che sbocciano appena sopra il fogliame sempreverde.

  Quando si piantano le peonie

Non lasciatevi scoraggiare dalla loro reputazione di difficoltà: se seguite alcune semplici regole, le violette africane dovrebbero prosperare in casa. Con un po’ di esperienza, è possibile mantenere queste piante a crescita lenta in fiore quasi tutto l’anno e farle crescere fino a raggiungere le dimensioni di un piatto da pranzo.

Le violette africane prosperano in condizioni di luminosità, calore e umidità. Evitare che l’acqua tocchi le foglie, altrimenti si formano delle macchie marroni. Rimuovete i fiori e le foglie morte non appena li vedete per favorire una pianta più sana. Controllate regolarmente che il terreno non sia eccessivamente umido. Questo favorisce il marciume. La coltivazione di queste piante d’appartamento è una vera e propria questione di equilibrio: bisogna assicurarsi che i diversi fattori che concorrono alla loro coltivazione siano tutti ponderati tra loro. Le piante devono essere tenute in condizioni di umidità tali da non seccarsi, ma devono essere esposte a una brezza fresca per evitare che diventino troppo soffocanti, e devono essere esposte alla luce del sole senza danneggiare le punte delle foglie. Non scoraggiatevi se le vostre violette africane subiscono qualche danno: fa parte del processo.

Come coltivare le violette da seme

Il nome comune di ‘violetta’ rappresenta circa quattro-cinquecento specie e si trovano sia in natura che nella maggior parte dei giardini. La pianta ha foglie a forma di cuore e fiori asimmetrici. A volte la pianta della violetta può essere un arbusto. Per la maggior parte delle violette il colore del fiore è, come suggerisce il nome, il viola. Tuttavia, alcune violette possono essere di colore giallo, bianco, blu o crema. Esistono anche fiori bicolori. Il più delle volte si tratta di fiori blu e gialli.

  Quando si piantano le cipolle invernali

Le viole sono spesso coltivate sia da talee che da semi, e in entrambi i modi si ottengono facilmente fioriture sane. Queste piante preferiscono essere coltivate sotto alberi a foglia caduca che forniscono vari gradi di ombra durante l’inverno, quando le foglie non ci sono più. Tuttavia, è bene tenere presente che le viole preferiscono l’ombra totale o parziale. A seconda della varietà del fiore, le piantine o i semi devono essere piantati a una distanza di circa quattro-otto centimetri l’uno dall’altro.

Le viole si piantano in primavera e fioriscono in estate. Preferiscono ambienti freschi e la pacciamatura aiuta a mantenere le radici fresche e a prolungare la fioritura. Le viole non hanno bisogno di molte annaffiature, quindi è necessario osservare i fiori per sapere quando è il momento di annaffiarli di nuovo. Quando i fiori e le foglie appaiono cadenti è il momento di annaffiare. Quando i fiori sbocciano devono essere concimati una sola volta.

Violette africane

La violetta selvatica è un piccolo fiore viola/blu che spunta all’inizio della primavera.    Crescono comunemente nei cortili, nei giardini e ai margini delle foreste.    Ma in genere non si impadroniscono di un’area, a meno che non vengano lasciate incontrollate per molto tempo.

Se state leggendo queste righe, è probabile che nella vostra zona sia arrivata la primavera. E probabilmente vi starete chiedendo cosa sono tutti quei bei fiorellini viola che spuntano nei giardini e nelle aree selvatiche.    Congratulazioni!    La primavera è decisamente arrivata e le violette sono uno dei segni più evidenti dell’arrivo di temperature più calde.

  Come si piantano i capperi

La viola selvatica (Viola soroia) è una pianta erbacea perenne le cui foglie e fiori spuntano direttamente dalle radici/rizomi.    Formano una piccola rosetta basale di foglie.    Se lasciata crescere senza controllo, questa rosetta può diventare larga circa 6″ (15 cm) e alta 3-4″ (10 cm).

Le foglie verdi della violetta selvatica hanno una forma molto particolare.    Hanno una strana forma tondeggiante, ovale o addirittura a cuore (cordata).    Ma si avvolgono intorno al fusto, formando quasi una specie di imbuto o una ciotola incompleta.    I bordi sono seghettati. [1]

Sonia Ricci

Sonia Ricci è una studentessa di biologia e blogger che scrive della sua prospettiva unica sulla scienza. Il suo blog tratta argomenti che vanno dalle ultime ricerche sull'impatto del cambiamento climatico alle opinioni sulle implicazioni etiche delle nuove tecnologie genetiche. Sonia è appassionata nel rendere la scienza accessibile a tutti e crede che tutti possano trovare qualcosa di interessante nella biologia se si prendono il tempo di cercarlo: seguite il suo blog per aggiornamenti regolari!