In che periodo si piantano gli ulivi

In che periodo si piantano gli ulivi

Olivi in vendita

L’olivo è uno dei più antichi alberi coltivati al mondo, essendo stato coltivato prima dell’invenzione della lingua scritta. In tutto il Mediterraneo ci sono olivi antichissimi piantati dagli antichi Greci e Romani che ancora producono frutti e diversi esemplari rigogliosi che si ritiene abbiano almeno 2.000-3.000 anni.

Nonostante le loro origini mediterranee, gli ulivi sono più resistenti di quanto si possa pensare, ma è saggio posizionare il vostro albero nel luogo più soleggiato possibile e scegliere un luogo ben drenato e riparato. Gli ulivi piantati vicino a un muro caldo dove possono crogiolarsi al sole saranno i più felici. L’olivo ha una crescita lenta ed è quindi ideale per la coltivazione in vaso; prospererà in un grande vaso in un luogo luminoso sul patio o sul balcone, oppure in una serra o in un giardino d’inverno non riscaldati. Nelle regioni fredde o settentrionali, sarà necessario proteggerlo in inverno, ad esempio in una serra. Pur essendo autofertili, gli ulivi sono impollinati dal vento, quindi devono stare all’aperto durante la fioritura se si spera di ottenere dei frutti.

Come prendersi cura di un olivo

La storia dell’olivo inizia in Grecia, 37.000 anni prima della nostra era. È sopravvissuto all’ultimo periodo glaciale e si è sviluppato da un arbusto, l’oliva selvatica. In Francia, l’olivo fa parte del paesaggio mediterraneo da 7000 anni.

L’albero si trova tipicamente nelle zone di gariga (brughiera). È resistente alla siccità, ma è sensibile al gelo. Può crescere anche nei terreni più poveri, compresi quelli sassosi, e le sue radici possono arrivare a 6 metri di profondità per trovare l’acqua.

  Quando si piantano le viole

L’olivo cresce lentamente. Le prime olive compaiono quando l’albero ha tra i 3 e i 7 anni (a seconda della varietà). Un olivo raggiunge la piena maturità dopo 10 anni e inizia a diminuire la sua fertilità dopo circa 150 anni. In condizioni favorevoli, possono vivere fino a mille anni.

Mangiare una deliziosa oliva proveniente da un albero che esiste da diverse centinaia di anni è un’esperienza significativa. Per questo motivo alcuni agricoltori, in collaborazione con L’Oulibo, stanno progettando di produrre un “olio ringiovanente” con olive provenienti da ulivi molto vecchi.

Concimazione degli olivi in vaso

ClimaIl freddo estremo non è compatibile con la produzione di olive. Sebbene gli ulivi richiedano una certa refrigerazione per l’allegagione – circa 200 ore di temperature invernali inferiori a 45º F – le linee guida dell’Università della California affermano che temperature inferiori a 22º F possono uccidere i giovani alberi e causare la morte dei rami sugli alberi più vecchi. Gli alberi maturi sono a rischio a temperature inferiori a 15° C.

La tolleranza al freddo dipende da molte variabili, tra cui la varietà di olivo, la gravità delle fluttuazioni di temperatura e la quantità di acqua presente nei tessuti dell’albero.  Anche i microclimi possono essere critici quando le temperature sono basse, quindi evitate le sacche di gelo e le zone stagnanti.  Anche le temperature rigide o le condizioni di caldo e vento estremi durante la fioritura in aprile o maggio possono essere un problema, causando una scarsa allegagione. In autunno e in inverno, prima del raccolto, le temperature inferiori a circa 29º F congelano i frutti e causano un sapore difettoso nell’olio d’oliva.

  Quando si piantano i bulbi di fresia

TerrenoGli ulivi possono prosperare in una varietà abbastanza ampia di condizioni del terreno, con un’importante eccezione: sono completamente intolleranti al drenaggio insufficiente. I terreni impregnati d’acqua sono probabilmente la causa della morte di più olivi di qualsiasi altra cosa. I terreni con un contenuto di argilla moderatamente elevato non sono del tutto esclusi, ma è necessario migliorare il drenaggio piantando su una collina o su un terrapieno. Un’analisi del terreno rivelerà eventuali carenze di nutrienti o tossicità in un determinato luogo. La produzione di olio d’oliva non trae vantaggio da un terreno di prima qualità; una fertilità modesta produrrà il miglior olio d’oliva. Un altro aspetto importante nella scelta del sito è la storia colturale del luogo. Gli olivi sono sensibili al verticillium wilt. Se il campo è stato coltivato a pomodori, cotone, peperoni o qualsiasi altra coltura sensibile al verticillium, il terreno deve essere analizzato per verificare la presenza di questo patogeno.

Problemi con gli olivi in vaso

Il successo di un giovane ulivo inizia con il luogo e il metodo di impianto. Una volta stabilitosi, ha bisogno di poca assistenza per crescere e fruttificare, ma è necessario assicurarsi di dare all’albero le giuste basi.

Prima di piantare, controllate il pH del terreno. Contattate l’Ufficio di Estensione della Contea per informazioni sui test del terreno nella vostra zona, oppure acquistate uno dei nostri misuratori digitali per ottenere risultati rapidi e precisi. Gli ulivi hanno bisogno di un pH compreso tra 5,5 e 6,5. Crescono bene in quasi tutti i terreni ben drenati, ma preferiscono terreni profondi e fertili con un’elevata capacità di idratazione.Luogo di impiantoConsigli per l’impiantoInvasare l’olivo

  Si piantano anche nel muro

L’aglio è uno degli ortaggi più facili e versatili da coltivare! Sono naturalmente rustici, abbastanza resistenti ai parassiti e alle malattie e non sono troppo esigenti per quanto riguarda il luogo di coltivazione. Richiedono un terreno sciolto e 6 ore di sole.

Quando è il momento di potare il vostro campo di fragole, ci sono diverse opzioni da considerare per ridurre le piante di fragole. Andrew di Howard Homestead ha utilizzato un tosaerba a spinta e un’insaccatrice per potare il suo campo di fragole di 400 piante in meno di 30 minuti!

Sonia Ricci

Sonia Ricci è una studentessa di biologia e blogger che scrive della sua prospettiva unica sulla scienza. Il suo blog tratta argomenti che vanno dalle ultime ricerche sull'impatto del cambiamento climatico alle opinioni sulle implicazioni etiche delle nuove tecnologie genetiche. Sonia è appassionata nel rendere la scienza accessibile a tutti e crede che tutti possano trovare qualcosa di interessante nella biologia se si prendono il tempo di cercarlo: seguite il suo blog per aggiornamenti regolari!