Come si piantano i cavolfiori

Come si piantano i cavolfiori

Problemi di coltivazione del cavolfiore

Il cavolfiore è un ortaggio di stagione fresca appartenente alla famiglia delle Brassicaceae e talvolta è considerato uno degli ortaggi più difficili da coltivare nell’orto di casa. Per i giardinieri che hanno un po’ di pazienza, il cavolfiore può essere una coltura interessante e gratificante. Oggi i giardinieri possono scegliere varietà di cavolfiore che vanno dal tradizionale bianco al viola intenso.

Per un raccolto a primavera inoltrata, iniziate a seminare in casa o in serra fredda all’inizio di febbraio (da quattro a sei settimane prima di trasferirli all’esterno). Prima di piantare le piantine nel terreno a marzo, fatele indurire lasciandole all’aperto per alcune ore al giorno per tre giorni. Il terzo giorno lasciatele per tutta la notte. Per un raccolto autunnale, iniziate a seminare in casa alla fine di luglio. Si possono poi piantare in giardino l’ultima settimana di agosto. Anche i centri di giardinaggio sono una fonte per l’acquisto di trapianti primaverili e autunnali. Acquistate i trapianti qualche giorno prima della semina per assicurarvi che siano freschi e sani. L’utilizzo di trapianti sani può rendere più probabile il successo della coltivazione del cavolfiore.

Qual è il modo migliore per piantare il cavolfiore?

Piantate il cavolfiore in file con ogni pianta distanziata di 18 pollici. Le file dovrebbero essere distanziate di 30 pollici. Migliorate il vostro terreno nativo mescolando alcuni centimetri di compost o altra materia organica ricca. Aggiungete uno strato di 3 pollici di pacciame e date alle piante da 1 a 1,5 pollici d’acqua alla settimana.

Qual è il mese migliore per piantare il cavolfiore?

Per i cavolfiori a semina primaverile, è meglio piantarli all’inizio o alla metà di aprile. Scegliete una varietà con tolleranza al calore e un ciclo di crescita breve (50-60 giorni per il raccolto). ‘Snow Crown’ è una delle migliori per la crescita primaverile. Per il raccolto autunnale, avviare i semi in casa o seminare direttamente in giardino, all’inizio o alla fine di luglio.

  Quando si piantano le cipolle di tropea

Quante teste di cavolfiore si ottengono da una sola pianta?

A differenza dei broccoli, però, che producono più germogli laterali, il cavolfiore produce una sola testa, il che significa che avete una sola possibilità di azzeccarla. La cosa principale da ricordare è che la pianta prospera a temperature intorno ai 16-18°C.

Come coltivare il cavolfiore in casa senza semi

Il cavolfiore non è il più facile da coltivare della famiglia delle brassiche, ma un grande cavolfiore bianco con cagliata bianca e compatta è una bellezza e produrne uno è fonte di grande soddisfazione. La varietà è importante, soprattutto per i principianti, e un terreno molto sano e ben nutrito è essenziale.

Il cavolfiore ama condizioni di crescita fresche e un’umidità abbastanza elevata. Hanno bisogno di un terreno ricco e profondo e devono essere mantenuti ben irrigati per tutta la stagione. Qualsiasi ritardo nel ciclo di crescita si tradurrà in teste minuscole e in un giardiniere frustrato! In breve, sono insidiosi.

Potete seminare il cavolfiore a fine marzo, inizio maggio e inizio giugno per una lunga stagione di coltivazione. Consiglio vivamente di seminare il cavolfiore in vassoi modulari. Potete seminare direttamente nel terreno, ma credo che con questo metodo avrete più successo per i seguenti motivi:

Utilizzate un terriccio per semi che ha una consistenza più fine e meno nutriente rispetto al normale terriccio multiuso. Noi usiamo un vassoio per moduli di semina con ogni sezione a circa 5 cm di profondità. Riempite il vassoio con il terriccio e spazzolate via l’eccesso. Quando si riempie il vassoio, strofinare il terriccio con le mani per romperlo.

  Come si piantano i cetrioli

Coltivare il cavolfiore in inverno

Il cavolfiore è una coltura di stagione fresca della famiglia delle cole (Brassica oleracea), che comprende broccoli, cavolini di Bruxelles, cavolfiori, bietole, cavoli e cavoli rapa. Tuttavia, rispetto ai suoi parenti, è più capriccioso. Il trucco per coltivare il cavolfiore è una temperatura costantemente fresca, motivo per cui quasi tre quarti dei cavolfiori commerciali sono coltivati nelle valli costiere della California. Tuttavia, potete provare a coltivarlo a casa vostra, indipendentemente dal luogo in cui vivete, ma è importante il tempismo per trovare la temperatura giusta. Inoltre, ha bisogno di un terreno ricco e di un apporto costante di acqua e sostanze nutritive. Il cavolfiore ama temperature intorno ai 60°. Nelle giovani piante di cavolfiore c’è un sottile equilibrio tra la crescita delle foglie e quella delle teste. Qualsiasi stress fa pendere l’ago della bilancia verso il diradamento prematuro, o “abbottonatura”, quando la pianta produce piccole teste della dimensione di un bottone. Questo può accadere quando fa troppo caldo o troppo freddo. Può accadere anche se le piante rimangono troppo a lungo in un imballaggio, o se sono bloccate dalla siccità o da un terreno povero. Ora che conoscete le sfide, permetteteci di attrezzarvi per il successo.

Come piantare i semi di cavolfiore

Il cavolfiore è più difficile da coltivare rispetto ai suoi parenti perché non ama il caldo… o il freddo. Il cavolfiore coltivato in casa, appena raccolto nell’orto, vale la pena di imparare a coltivare il cavolfiore con successo.

  Quando si piantano i gerani

Per coltivare con successo il cavolfiore, ha bisogno di almeno due mesi di clima fresco (60 gradi è l’ideale) per maturare.  Il cavolfiore è una coltura a clima fresco della famiglia delle brassiche. (Le brassiche comprendono bietole, cavoli, cavoli rapa, broccoli e cavoletti di Bruxelles).

Quando la testa del cavolfiore è visibile ed è larga circa 5 cm, unite le foglie esterne con una molletta per coprire la testa e tenerla lontana dalla luce del sole. Tagliate le foglie in modo lasco e controllate di tanto in tanto la presenza di parassiti e la crescita, oppure lasciate che la testa si asciughi dopo una pioggia.

Sonia Ricci

Sonia Ricci è una studentessa di biologia e blogger che scrive della sua prospettiva unica sulla scienza. Il suo blog tratta argomenti che vanno dalle ultime ricerche sull'impatto del cambiamento climatico alle opinioni sulle implicazioni etiche delle nuove tecnologie genetiche. Sonia è appassionata nel rendere la scienza accessibile a tutti e crede che tutti possano trovare qualcosa di interessante nella biologia se si prendono il tempo di cercarlo: seguite il suo blog per aggiornamenti regolari!