Regina della notte pianta wikipedia

Regina della notte pianta wikipedia

Cereus a fioritura notturna

Questo articolo necessita di ulteriori citazioni per la verifica. Aiuta a migliorare questo articolo aggiungendo citazioni a fonti attendibili. Il materiale privo di fonti può essere contestato e rimosso.Trova le fonti:  “Nyctanthes arbor-tristis” – notizie – giornali – libri – scholar – JSTOR (aprile 2017) (Scopri come e quando rimuovere questo messaggio template)

La Nyctanthes arbor-tristis è un arbusto o un piccolo albero che cresce fino a 10 m di altezza, con corteccia grigia scagliosa. Le foglie sono opposte, semplici, lunghe 6-12 cm e larghe 2-6,5 cm, con margine intero. I fiori sono profumati, con una corolla bianca da cinque a otto lobi con il centro rosso arancio; sono prodotti in grappoli da due a sette insieme, con i singoli fiori che si aprono al crepuscolo e terminano all’alba. Il frutto è una capsula bilobata, piatta e marrone, a forma di cuore o rotonda, del diametro di 2 cm; ogni lobo contiene un singolo seme.[3][4]

L’albero è talvolta chiamato “albero del dolore”, perché i fiori perdono luminosità durante il giorno; il nome scientifico arbor-tristis significa anche “albero triste”. I fiori possono essere utilizzati come fonte di tintura gialla per i vestiti. Il fiore è chiamato Gangaseuli e in alcuni casi Jharaa sephali in Odisha, India. Nella cultura Borok Tipruri è associato al ciclo della vita, cioè alla nascita e alla morte. È usato popolarmente come ghirlanda per i morti[citazione necessaria].

Fiori notturni

Il Cestrum nocturnum, la signora della notte, il gelsomino notturno, il gelsomino notturno, il gelsomino profumato di notte, il cestrum profumato di notte o la bacca velenosa,[2] è una specie di pianta della famiglia delle Solanaceae. È originaria delle Indie occidentali, ma si è naturalizzata in Asia meridionale.[3]

  Prodotti per eliminare i moscerini dalle piante

Il Cestrum nocturnum è un arbusto legnoso sempreverde, con rami sottili, alto fino a 4 metri. La pianta è multiramo e fortemente fogliata. Le foglie sono semplici, strettamente lanceolate, lunghe 6-20 cm e larghe 2-4,5 cm, lisce e lucide, con margine intero. Verso la parte anteriore sono appuntite o affusolate, la base è arrotondata o smussata. I piccioli delle foglie sono lunghi da 0,8 a 2 cm.

I fiori sono bianco-verdastri, con una corolla tubolare sottile lunga 2-2,5 cm (0,79-0,98 in) con cinque lobi acuti, 10-13 mm (0,39-0,51 in) di diametro quando sono aperti di notte, e sono prodotti in infiorescenze cimose. Di notte si sprigiona un profumo potente e dolce. Le infiorescenze, per lo più a più fiori e ricadenti, sono terminali o ascellari. Si tratta di pannocchie raggruppate e scarsamente ramificate, sui cui assi infiorescenti si trovano brattee erbacee. I cinque sepali sono fusi a formare un calice campanulato, lungo circa 2 mm, e hanno cinque punte appuntite, che sul frutto sono leggermente allargate, scanalate e acclivi. L’interno e l’esterno del calice sono finemente pelosi.

Epifita

L’Epiphyllum oxypetalum, cactus della pipa olandese,[3] principessa della notte o regina della notte,[4] è una specie di cactus. Fiorisce raramente e solo di notte e i suoi fiori appassiscono prima dell’alba. Anche se a volte viene indicato come cereus a fioritura notturna, non è strettamente imparentato con nessuna delle specie della tribù Cereeae, come Selenicereus, che sono più comunemente conosciute come cereus a fioritura notturna. Tutte le specie di Cereus fioriscono di notte e sono piante terrestri; le specie di Epiphyllum sono solitamente epifite.

  Vendita piante di fragole rifiorenti

I fusti sono eretti, ascendenti, scandenti, o tentacolari e molto ramificati. I fusti primari sono terrei, lunghi fino a 6 metri (600 cm), appiattiti lateralmente e legnosi alla base. I fusti secondari sono piatti, ellittico-acuminati, lunghi fino a 30 cm x 10-12 cm. I margini del fusto sono da poco a molto crenati e ondulati. I fusti sembrano essere cerosi, quindi potrebbe essere presente la cutina. La cutina riduce la perdita di acqua dagli steli. Una sostanza simile a un gel trasuda dai tagli del fusto. Gli steli contengono molti tessuti pieni d’acqua.

La regina della notte wiki

Questo articolo necessita di ulteriori citazioni per la verifica. Si prega di contribuire a migliorare questo articolo aggiungendo citazioni a fonti affidabili. Il materiale privo di fonti può essere contestato e rimosso.Trova le fonti:  “Cereus a fioritura notturna” – notizie – giornali – libri – scholar – JSTOR (settembre 2009) (Scopri come e quando rimuovere questo messaggio template)

Cereus a fioritura notturna è il nome comune che si riferisce a un gran numero di cactus ceroidi fioriti che sbocciano di notte. I fiori sono di breve durata e alcune di queste specie, come Selenicereus grandiflorus, sbocciano una sola volta all’anno, per una sola notte,[1] anche se la maggior parte di esse emette più fiori nell’arco di diverse settimane, ognuno dei quali si apre per una sola notte. Altri nomi per una o più cactacee con questa abitudine sono principessa della notte, regina di Honolulu (per Hylocereus undatus), Cristo nella mangiatoia, dama de noche e regina della notte (usato anche per una specie vegetale non correlata).

  App gratuite per riconoscere le piante

Questa sezione non cita alcuna fonte. Si prega di contribuire a migliorare questa sezione aggiungendo citazioni di fonti affidabili. Il materiale privo di fonti può essere contestato e rimosso. (Settembre 2016) (Scopri come e quando rimuovere questo messaggio template)

Sonia Ricci

Sonia Ricci è una studentessa di biologia e blogger che scrive della sua prospettiva unica sulla scienza. Il suo blog tratta argomenti che vanno dalle ultime ricerche sull'impatto del cambiamento climatico alle opinioni sulle implicazioni etiche delle nuove tecnologie genetiche. Sonia è appassionata nel rendere la scienza accessibile a tutti e crede che tutti possano trovare qualcosa di interessante nella biologia se si prendono il tempo di cercarlo: seguite il suo blog per aggiornamenti regolari!