Quanti avocado fa una pianta

Quanti avocado fa una pianta

Quanti alberi di avocado per acro

È uno dei nostri prodotti preferiti per tutto l’anno: L’albero di avocado. Sebbene questo frutto tropicale ed esotico non sia normalmente associato alla crescita per tutto l’anno, il nostro prospera da una stagione all’altra perché è super versatile e spesso viene coltivato in casa. Inoltre, è piuttosto facile da mantenere, ma se volete ottenere il maggior numero possibile di avocado, siete nel posto giusto.

Innanzitutto, è importante che gli alberi di avocado ricevano una buona quantità di luce solare. Tollerano il sole parziale, ma le aree che ricevono almeno 6-8 ore di luce al giorno sono le migliori. Se l’albero di avocado vive in casa, posizionatelo vicino a una finestra ampia e soleggiata, preferibilmente rivolta a sud, poiché le aree esposte a sud tendono a ricevere più luce.

È importante mantenere il giovane albero di avocado sufficientemente idratato. Ma lasciate che il terreno si asciughi tra un’annaffiatura e l’altra per evitare un’eccessiva saturazione. In linea di massima, un’annaffiatura abbondante una volta alla settimana è tutto ciò di cui l’avocado ha bisogno. Se non siete sicuri di quando innaffiare, controllate semplicemente il terreno circostante l’albero di avocado a circa 3 pollici di profondità: se il terreno è asciutto, è ora di innaffiare.

Quanti avocado per pianta

Coltivare i propri avocado è un progetto semplice e soddisfacente per giardinieri esperti o principianti, dai bambini agli adulti. Che si parta da un seme o da un albero cresciuto in vivaio, un elemento essenziale per il successo è la pazienza. Se piantate un albero, aspetterete tre o quattro anni per avere i frutti. Se si parte da un seme, si possono aspettare 13 anni o più.1 Tuttavia, c’è qualcosa di speciale negli avocado coltivati in casa che li rende degni di essere aspettati.

  Orto piante che stanno bene insieme

Il seme di un avocado è il nocciolo che si trova al centro dell’avocado che si mangia a casa. Uno dei modi più semplici per far nascere un seme è l’acqua in un normale bicchiere o barattolo da cucina. È anche uno dei modi più divertenti, perché si possono osservare le radici crescere.

Per preparare il seme, lavarlo bene. Inserite quindi tre o quattro stuzzicadenti di legno nel nocciolo, a circa un terzo della lunghezza dall’estremità appuntita. Appoggiate il seme sul bicchiere, con la punta rivolta verso l’alto, in modo che gli stuzzicadenti lo sostengano sul bordo. Aggiungete acqua fino a coprire la metà inferiore del seme e mettetelo in un luogo illuminato. Rinfrescate l’acqua quando necessario per mantenere il fondo coperto.

Quanti alberi di avocado per ettaro

Per l’innesto, la dott.ssa Mary Lu Arpaia, orticoltrice subtropicale dell’Extension, suggerisce il seguente manuale: Propagazione degli avocado: Principi e tecniche di innesto in vivaio e in campo. Pubblicazione #21461. Coltivazione da seme È possibile coltivare un avocado da seme, basta non farlo seccare. Tenete presente che il seme è il risultato di un’impollinazione incrociata, quindi l’albero risultante sarà diverso da quello da cui proviene il frutto. Ad esempio, se piantate il seme di un avocado Hass, l’albero risultante sarà un incrocio tra un Hass e qualcos’altro… NON sarà un Hass! Inoltre, tenete presente che gli avocado piantati da seme impiegano dai 5 ai 13 anni prima di fiorire e produrre frutti. Quando faccio nascere un avocado da seme, di solito lo prendo direttamente dal frutto, taglio circa un quarto di pollice dalla punta del seme con un coltello affilato e metto il seme in un vaso con del terriccio con solo la parte superiore piatta/tagliata del seme sopra il terreno. Mantenere l’umidità e attendere… (il tempo di germinazione varia). Impollinazione e allegagione I modelli di fioritura degli avocado si dividono in due gruppi: Fiori di tipo “A” e fiori di tipo “B”. I fiori di tipo A si aprono al mattino come femmine e al pomeriggio come maschi, mentre quelli di tipo B sono maschi al mattino e femmine al pomeriggio. La domanda che molti si pongono (e alla quale non è ancora stata data una risposta esauriente) è: devo piantare un avocado di tipo “B” con un avocado di tipo “A” per favorire una buona impollinazione?

  Unghia del diavolo pianta grassa

Quando piantare l’avocado in terra

Se vivete nella parte meridionale degli Stati Uniti o più a sud, avete l’opportunità unica di coltivare un albero di avocado all’aperto nel vostro giardino. Questi alberi da frutto alti e sempreverdi sono noti soprattutto per i loro frutti cremosi e ricchi di proprietà salutari. Il fitto fogliame verde brillante dell’albero viene coltivato anche per il suo valore ornamentale. Tuttavia, è importante tenere presente che tutte le parti di questo albero, compresi i frutti, sono tossiche per una vasta gamma di animali.

È meglio piantare gli alberi di avocado all’aperto in primavera. In questo modo l’albero ha tutto il tempo di radicarsi prima dell’arrivo delle temperature invernali più rigide. Questo è particolarmente importante nelle aree settentrionali delle zone di resistenza dell’avocado. Scegliete una posizione di impianto che offra ampio spazio per la crescita di questi alberi alti. Piantateli ad almeno 3 metri di distanza dalle strutture e lasciate almeno 3 metri di distanza tra ogni albero di avocado, se ne piantate più di uno.

  Tutte le piante di piante contro zombi 2

Tenete presente che l’apparato radicale degli alberi di avocado è piuttosto sensibile, quindi cercate di non disturbare inutilmente le radici durante il processo di impianto. Scavate una buca più larga della struttura radicale. La profondità della buca deve generalmente corrispondere all’altezza della zolla, poiché piantare l’albero troppo in profondità o troppo in basso può causare problemi.

Sonia Ricci

Sonia Ricci è una studentessa di biologia e blogger che scrive della sua prospettiva unica sulla scienza. Il suo blog tratta argomenti che vanno dalle ultime ricerche sull'impatto del cambiamento climatico alle opinioni sulle implicazioni etiche delle nuove tecnologie genetiche. Sonia è appassionata nel rendere la scienza accessibile a tutti e crede che tutti possano trovare qualcosa di interessante nella biologia se si prendono il tempo di cercarlo: seguite il suo blog per aggiornamenti regolari!