Quali sono le piante sempreverdi

Quali sono le piante sempreverdi

Arbusti sempreverdi della Rhs

In botanica, un sempreverde è una pianta che ha un fogliame che rimane verde e funzionale per più di una stagione di crescita. Si tratta anche di piante che mantengono il fogliame solo nei climi caldi e si contrappone alle piante decidue, che perdono completamente il fogliame durante l’inverno o la stagione secca.

Le specie sempreverdi e decidue variano per una serie di caratteri morfologici e fisiologici. In generale, le specie sempreverdi a foglia larga hanno foglie più spesse rispetto alle specie decidue, con un volume maggiore di parenchima e di spazi aerei per unità di superficie fogliare.[2] Hanno una biomassa fogliare maggiore per unità di superficie fogliare, e quindi una superficie fogliare specifica inferiore. I costi di costruzione non differiscono tra i gruppi. Le sempreverdi hanno generalmente una frazione maggiore della biomassa vegetale totale presente sotto forma di foglie (LMF),[3] ma spesso hanno un tasso di fotosintesi inferiore.

Gli alberi decidui perdono le foglie in genere per adattarsi a una stagione fredda o secca/umida. Anche gli alberi sempreverdi perdono le foglie, ma ogni albero le perde gradualmente e non tutte insieme. La maggior parte delle piante della foresta pluviale tropicale sono considerate sempreverdi e sostituiscono le foglie gradualmente durante l’anno, man mano che queste invecchiano e cadono, mentre le specie che crescono in climi stagionalmente aridi possono essere sia sempreverdi che decidue. Anche la maggior parte delle piante dei climi temperati caldi sono sempreverdi. Nei climi temperati freddi, un numero minore di piante è sempreverde. In questo clima prevalgono le conifere, perché poche piante sempreverdi a foglia larga sono in grado di tollerare il freddo intenso al di sotto di circa -26 °C (-15 °F).

  Quali piante in camera da letto

Foresta sempreverde

In realtà, il fogliame non deve essere necessariamente verde perché una pianta possa essere considerata sempreverde – ad esempio, può essere grigio-blu o dorato – ma è essenzialmente costante, anziché cambiare stagionalmente.

Se una pianta non è considerata sempreverde, è generalmente decidua, cioè perde tutte le foglie stagionalmente, più o meno tutte insieme o in un arco di tempo relativamente breve. In realtà, anche i sempreverdi perdono le foglie, ma lo fanno secondo un calendario diverso.

Invece di lasciarle cadere in una sola volta in base a un segnale stagionale, le foglie vengono lasciate continuamente durante l’anno a un ritmo più lento. Poiché crescono continuamente nuove foglie, il fogliame totale appare costante da una stagione all’altra.

Alcune piante sono definite semi-sempreverdi. Questo termine viene usato quando una pianta non rientra esattamente in nessuna delle due categorie, ma è più o meno sempreverde: ad esempio, può cadere le foglie per un periodo di tempo molto breve prima di ricrescere rapidamente. Oppure può essere decidua in alcuni climi, ma comportarsi da sempreverde in altri in cui è comunemente coltivata.

Contenitori sempreverdi

Una parte importante di ciò che rende gli alberi attraenti per molti giardinieri è lo splendido spettacolo di colori che mettono in scena in autunno. Gli alberi decidui sono una sorta di calendario vivente, che tiene traccia delle stagioni attraverso il loro aspetto mutevole. Dalla fresca crescita verde della primavera, attraverso il fogliame ombroso dell’estate e lo spettacolo pirotecnico dell’autunno, fino ai rami spogli dell’inverno, segnalano sempre il periodo dell’anno.

Anche i sempreverdi hanno il loro fascino. Solidi e immutabili, assicurano che il vostro giardino abbia ancora un certo interesse visivo in inverno. Inoltre, forniscono un prezioso riparo per gli uccelli e i piccoli animali quando il tempo è freddo: c’è sempre un rifugio nel loro fogliame, indipendentemente dal periodo dell’anno. Molte specie sono abbastanza dense da fungere da frangivento per proteggere la vostra proprietà dall’impatto peggiore del vento. Possono anche avere un aspetto spettacolare: alcune crescono fino a raggiungere dimensioni impressionanti o presentano colorazioni interessanti.

  Piante di rose miglior prezzo

È ovvio come i sempreverdi abbiano preso il loro nome: mantengono il loro fogliame tutto l’anno, a differenza degli alberi decidui che lo perdono in autunno. In realtà anche i sempreverdi perdono le foglie, ma lo fanno in modo costante nel corso dell’anno invece che tutto in una volta. Il fatto di essere sempreverdi è un vantaggio per gli alberi di alcuni climi; per esempio, non ha molto senso che un albero della foresta pluviale tropicale perda le foglie in autunno perché non c’è un inverno freddo in arrivo. Le sempreverdi si trovano bene anche in terreni poveri e privi di sostanze nutritive, perché possono continuare a elaborare il cibo disponibile per tutto l’anno. Gli alberi decidui diventano dormienti quando cadono le foglie e si risvegliano solo in primavera.

Canzoni di Evergreens

David Beaulieu è un esperto di paesaggistica e fotografo di piante, con 20 anni di esperienza. Ha lavorato nel settore vivaistico per oltre un decennio, occupandosi di una grande varietà di piante. David è stato intervistato da numerosi giornali e riviste nazionali statunitensi, come Woman’s World e American Way.

Le piante da fiore sempreverdi rappresentano il meglio dei due mondi. Molti giardinieri cercano piante con bei fiori, così come molti cercano esemplari con foglie sempreverdi. Entrambe le cose sono importanti: le grandi esposizioni floreali danno al vostro giardino un colore sorprendente in primavera e in estate, mentre il fogliame sempreverde offre una costanza per tutto l’anno che salva il vostro paesaggio dalla sindrome della fame o della sete.

  Bruciore alla pianta dei piedi cause

Certo, si possono coltivare piante diverse per soddisfare queste due esigenze. Ma, in giardini piccoli, si finirebbe per esaurire lo spazio a disposizione in questo modo. Sarebbe molto meglio soddisfare queste esigenze con una sola pianta, quando possibile.

Gli arbusti sempreverdi a foglia larga sono in grado di soddisfare questa esigenza di piante da fiore sempreverdi. Ma è bello avere anche altre opzioni, soprattutto quando un’area problematica del giardino richiede una copertura del terreno, o quando c’è un posto libero in un’aiuola che potrebbe davvero usare una perenne che ha sia bei fiori che foglie sempreverdi.

Sonia Ricci

Sonia Ricci è una studentessa di biologia e blogger che scrive della sua prospettiva unica sulla scienza. Il suo blog tratta argomenti che vanno dalle ultime ricerche sull'impatto del cambiamento climatico alle opinioni sulle implicazioni etiche delle nuove tecnologie genetiche. Sonia è appassionata nel rendere la scienza accessibile a tutti e crede che tutti possano trovare qualcosa di interessante nella biologia se si prendono il tempo di cercarlo: seguite il suo blog per aggiornamenti regolari!