Piante verdi da appartamento poca luce

Piante verdi da appartamento poca luce

Piante rampicanti a bassa luminosità

Anche se la vostra casa non è dotata di grandi e luminose finestre da cui entra la luce del sole, potete comunque coltivare piante da interno! Infatti, molti tipi di piante tollerano livelli di luce bassi! Le stanze con poca luce sono quelle che hanno solo finestre rivolte a nord, luci fluorescenti, punti lontani dalle finestre o stanze con finestre bloccate da alberi o edifici in ombra. Tuttavia, è importante capire che poca luce non significa assenza di luce; la maggior parte delle piante d’appartamento e degli alberi da interno, come la pianta ZZ, la monstera e il pothos, hanno bisogno di luce per crescere e dare il meglio di sé. È possibile fornire luce supplementare con le lampade da coltivazione durante i giorni più bui dell’inverno o in stanze molto buie. Molte di queste piante si comportano bene anche con la luce occasionale di una lampada da tavolo. Un’altra cosa da ricordare è che le piante in condizioni di scarsa illuminazione non hanno bisogno di essere annaffiate con la stessa frequenza di quelle in ambienti ad alta luminosità. Infilate sempre un dito nel terreno per verificare il livello di umidità; se il terreno si attacca, aspettate qualche giorno in più prima di annaffiare per le piante che tendono a rimanere asciutte (come molte piante da luce bassa). È inoltre consigliabile aggiungere fertilizzante a metà dose solo durante la stagione di crescita attiva, dalla primavera all’autunno. Scoprite le nostre piante da interno a bassa luminosità preferite, che offrono un tocco di verde in ogni stanza.

Piante grandi per poca luce

Le piante da interno riempiono gli ambienti di un’atmosfera speciale. Per quanto riguarda la luce, tuttavia, non tutti gli spazi abitativi sono adatti ad offrire un’illuminazione adeguata alle piante da interno. Le piante da interno che non richiedono molta luce possono comunque essere collocate in punti bui e rinfrescare così il vostro spazio abitativo con un verde brillante e fiori colorati. Informatevi con la nostra guida sulle specie disponibili in questa zona.

  Pianta sempreverde con foglie rosse

La presenza di molta luce è spesso la condizione principale per un’intensa fioritura delle piante da interno. Spesso non riescono a crescere in modo adeguato e di conseguenza muoiono rapidamente se non ricevono una quantità di luce sufficiente. Chi desidera essere creativo in termini di decorazione con i fiori ha a disposizione una moltitudine di fiori verdi e ornamentali che offrono grandi tonalità di colore con fioriture variopinte. Questi fiori sono regolarmente anche molto facili da mantenere in salute, per cui non è necessariamente necessaria una grande esperienza per goderne a lungo.

Le piante da interno che si trovano in un luogo ombreggiato o a mezz’ombra hanno un consumo d’acqua inferiore rispetto ai luoghi soleggiati. Se si annaffia troppo si rischia di bagnare il terreno. Le piante da interno che richiedono poca luce tollerano nella maggior parte dei casi il terreno secco. Le foglie devono essere spruzzate spesso per assicurare una quantità minima di umidità, che può essere supportata anche da un’elevata umidità.

Sempreverde cinese

Con lo spazio disponibile per i giardini all’aperto, sempre più proprietari di casa scelgono di coltivare piante da interno e di riempire le loro case di verde. Il segreto per coltivare con successo le piante in casa è quello di adattare la pianta al luogo in cui si trova, soprattutto nelle zone con poca luce.

  Colonnato di san pietro pianta

Le aree interne con poca luce sono quelle parti della casa lontane dalle finestre esposte a nord o illuminate solo da finestre esposte a sud o a est. Anche i corridoi e i bagni con finestre piccole possono avere bassi livelli di luce. Anche le piante collocate su scaffali a più livelli, ad esempio su una libreria, possono ricevere poca luce, anche in una stanza ben illuminata.

Per sfruttare al meglio la luce disponibile, ruotate spesso le piante dalle zone con poca luce a quelle con luce più intensa. Se possibile, fate riposare le piante all’aperto in un luogo riparato per alcune settimane prima di riportarle in casa. Sfruttate questo periodo di riposo per nutrire in modo liquido e incoraggiare la nuova crescita. Per dare più luce alle piante che si trovano in zone buie si possono usare anche le luci di crescita (luci che forniscono una luce ultravioletta supplementare).

Piante che non hanno bisogno di luce

Amo le piante da appartamento e cerco di averne sempre qualcuna in ogni stanza della mia casa. Ma so anche che molte varietà che amano il sole non si adattano a casa mia, perché la nostra casa è esposta a nord, con grandi sporgenze del portico su due lati che impediscono alla luce del sole di entrare nel soggiorno e nella sala da pranzo.

Dobbiamo quindi affidarci a piante d’appartamento in grado di sopportare condizioni di scarsa illuminazione. Tenete presente che “poca luce” non significa “niente luce”. Tutte le piante hanno bisogno di luce per sopravvivere, anche se proviene solo da una lampadina fluorescente in un ufficio o in una camera da letto poco illuminata. Nessuna pianta sopravvive in un luogo completamente buio.

  Piante nei barattoli di vetro

Chiamata anche pianta serpente o, politicamente scorretto, lingua di suocera, la sansevieria è una delle piante d’appartamento più resistenti del pianeta. Queste bellezze architettoniche sono disponibili in una varietà di forme e colori delle foglie e si adattano bene a luoghi con poca luce. Inoltre, sono tolleranti alla siccità, quindi non dovete sentirvi in colpa se non le annaffiate se partite per una vacanza di 10 giorni. Innaffiate solo quando il terreno è completamente asciutto al tatto. Le annaffiature eccessive possono ucciderle se vivono in una situazione di scarsa illuminazione. La cosa bella della sansevieria è che può stare bene anche in condizioni di luce intensa, se vi trasferite o decidete di ristrutturare la vostra casa.

Sonia Ricci

Sonia Ricci è una studentessa di biologia e blogger che scrive della sua prospettiva unica sulla scienza. Il suo blog tratta argomenti che vanno dalle ultime ricerche sull'impatto del cambiamento climatico alle opinioni sulle implicazioni etiche delle nuove tecnologie genetiche. Sonia è appassionata nel rendere la scienza accessibile a tutti e crede che tutti possano trovare qualcosa di interessante nella biologia se si prendono il tempo di cercarlo: seguite il suo blog per aggiornamenti regolari!