Pianta grassa verde con puntini bianchi

Pianta grassa verde con puntini bianchi

Piccole macchie bianche sulle piante grasse

Molti generi e specie di piante prendono il nome da persone; le piante grasse non fanno eccezione. Il nome del genere Haworthia ricorda Adrian Hardy Haworth, botanico ed entomologo britannico nato nel 1768 e morto nell’epidemia di colera di Londra del 1833. Come entomologo, Haworth è noto soprattutto per il suo lavoro sui Lepidotteri (farfalle e falene). Come botanico, è noto soprattutto per i suoi studi sulle piante grasse di diverse famiglie (compresi i cactus del Nuovo Mondo negli ultimi anni) e sui bulbi. Haworth ha dato il nome a molti nuovi generi e specie di piante, anche se alcuni dei suoi nomi sono andati persi nel corso degli anni a causa del perfezionamento tassonomico. Due dei suoi generi rimasti e ben noti e amati dai cactofili sono Mammillaria ed Epiphyllum. A Haworth sono state intitolate diverse piante. Nel 1809, il francese Henri Duval creò il nuovo genere Haworthia in onore di Haworth. Prima della creazione del nuovo genere, queste piante erano considerate parte del genere Aloe.

Identificare una succulenta

Jon VanZile è un maestro giardiniere che ha scritto contenuti per The Spruce per oltre un decennio. È l’autore di “Houseplants for a Healthy Home” (Piante da appartamento per una casa sana) e i suoi scritti sono apparsi anche sul Chicago Tribune e su Better Homes & Gardens, tra gli altri. Jon ha iniziato a collezionare piante oltre 10 anni fa e mantiene una crescente collezione di piante rare e tropicali.

  Piante per purificare la casa

Kathleen Miller è un’apprezzata Master Gardener e orticoltrice che condivide la sua conoscenza della vita sostenibile, del giardinaggio biologico, dell’agricoltura e della progettazione del paesaggio. Ha fondato la Gaia’s Farm and Gardens, un’azienda agricola in permacultura sostenibile, e scrive per Gaia Grows, una rubrica su un giornale locale.  Ha oltre 30 anni di esperienza nel giardinaggio e nell’agricoltura sostenibile.

Haworthia è un grande genere di piccole piante grasse, la maggior parte delle quali è originaria del Sudafrica. In genere vengono raggruppate sotto il nome comune di haworthia, anche se le diverse specie possono portare altri nomi comuni. Queste piante sono piccole e deliziose succulente che costituiscono attraenti piante d’appartamento. Le piante in vaso vengono spesso spostate all’aperto per i mesi estivi e, nelle regioni senza gelo, vengono talvolta coltivate in giardino.

Pianta che sembra un cactus, ma non lo è

0 Commenti Le piante grasse sono senza dubbio una delle piante più facili da curare. Possono prosperare in condizioni di abbandono, sono disponibili in tutte le forme, colori e dimensioni, il che le rende la pianta ideale di cui prendersi cura, soprattutto quando si è un lavoratore d’ufficio occupato e sempre in movimento.

Tuttavia, proprio come tutte le altre piante d’appartamento, anche le succulente possono avere dei problemi, soprattutto quando cambia l’ambiente in cui crescono. E non c’è niente di più fastidioso e frustrante dei problemi di funghi.

  Pianta di limone da seme

Quando una succulenta è infettata dall’oidio, molto probabilmente avrà l’aspetto di una classica patina polverosa bianca o grigiastra. Di solito inizia con macchie circolari bianche e polverose sulle foglie e sugli steli. Con il progredire dell’infezione, le macchie diventano giallo-marrone e infine nere. La pianta inizierà anche a presentare foglie contorte e distorte prima di appassire e morire.

Un caso lieve di oidio può scomparire da solo. Ma se ve lo state chiedendo, un fungicida molto efficace per questo tipo di fungo è il rame. Assicuratevi solo di seguire attentamente le istruzioni riportate sull’etichetta, perché una quantità eccessiva di rame è dannosa per la pianta e per il terreno.

Haworthia succulenta

0 Commenti Le piante grasse sono senza dubbio una delle piante più facili da curare. Possono prosperare in condizioni di abbandono, sono disponibili in tutte le forme, colori e dimensioni, il che le rende la pianta ideale di cui prendersi cura, soprattutto se si è un lavoratore d’ufficio impegnato e sempre in movimento.

Tuttavia, proprio come tutte le altre piante d’appartamento, anche le succulente possono avere dei problemi, soprattutto quando cambia l’ambiente in cui crescono. E non c’è niente di più fastidioso e frustrante dei problemi di funghi.

  Piante che vivono sulle rocce

Quando una succulenta è infettata dall’oidio, molto probabilmente avrà l’aspetto di una classica patina polverosa bianca o grigiastra. Di solito inizia con macchie circolari bianche e polverose sulle foglie e sugli steli. Con il progredire dell’infezione, le macchie diventano giallo-marrone e infine nere. La pianta inizierà anche a presentare foglie contorte e distorte prima di appassire e morire.

Un caso lieve di oidio può scomparire da solo. Ma se ve lo state chiedendo, un fungicida molto efficace per questo tipo di fungo è il rame. Assicuratevi solo di seguire attentamente le istruzioni riportate sull’etichetta, perché una quantità eccessiva di rame è dannosa per la pianta e per il terreno.

Sonia Ricci

Sonia Ricci è una studentessa di biologia e blogger che scrive della sua prospettiva unica sulla scienza. Il suo blog tratta argomenti che vanno dalle ultime ricerche sull'impatto del cambiamento climatico alle opinioni sulle implicazioni etiche delle nuove tecnologie genetiche. Sonia è appassionata nel rendere la scienza accessibile a tutti e crede che tutti possano trovare qualcosa di interessante nella biologia se si prendono il tempo di cercarlo: seguite il suo blog per aggiornamenti regolari!