L artiglio del diavolo pianta

L artiglio del diavolo pianta

Artiglio del diavolo – deutsch

L’artiglio del diavolo (Harpagophytum procumbens) cresce principalmente nel deserto del Kalahari in Sudafrica, Botswana e Namibia. Il nome comune di artiglio del diavolo deriva dai frutti, che sono ricoperti di piccoli uncini. I fiori a forma di tromba si aprono solo per un giorno e hanno un colore che va dal rosso al rosa e una gola giallastra.

Per secoli, le popolazioni indigene del Sudafrica hanno utilizzato questa pianta contro numerose malattie e disturbi. Nei cavalli è utile per le infiammazioni o i dolori causati dall’artrite o dai dolori muscolari. La pianta può essere utile anche per i cavalli anziani o per quelli che hanno una storia di danni ai tendini o ai legamenti. Il motivo è che la pianta contiene arpogoside, che agisce contro l’infiammazione. Altri componenti hanno proprietà antidolorifiche e contiene anche una serie di antiossidanti, che sono ancora una volta utili contro le infiammazioni.

L’artiglio del diavolo è generalmente un farmaco sicuro e ben tollerato se somministrato per via orale. La pianta è un’erba efficace, soprattutto per il dolore acuto o cronico, e non dovrebbe quindi essere ignorata quando si decidono le opzioni di trattamento per il cavallo.

A cosa serve la pianta dell’artiglio del diavolo?

Originario dell’Africa meridionale, l’artiglio del diavolo (Harpagophytum procumbens) prende il nome dai piccoli uncini che ricoprono i suoi frutti. Storicamente, l’artiglio del diavolo è stato usato per trattare dolori, problemi epatici e renali, febbre e malaria. È stato anche utilizzato in unguenti per curare piaghe, foruncoli e altri problemi della pelle.

Chi non dovrebbe prendere l’artiglio del diavolo?

È stato segnalato che l’artiglio del diavolo interagisce con anticoagulanti, antidolorifici, farmaci per il cuore (ad esempio la digossina) e farmaci contro l’acidità di stomaco (ad esempio la famotidina). Si consiglia di assumere una dose di 500-1.500 mg di radice essiccata o di capsule tre volte al giorno.

  Pianta velenosa bacche di sambuco velenose

L’artiglio del diavolo è un antinfiammatorio?

L’artiglio del diavolo contiene composti vegetali chiamati glicosidi iridoidi, che hanno dimostrato di sopprimere l’infiammazione in studi in provetta e su animali.

Teufelskrallenwurzel

L’artiglio del diavolo è un medicinale a base di erbe. È possibile acquistare al banco capsule, tinture (un medicinale ottenuto sciogliendo il principio attivo in alcol) ed estratto fluido. Non ne conosciamo ancora il funzionamento, ma le prove suggeriscono che l’artiglio del diavolo è efficace quanto i farmaci convenzionali per l’osteoartrite. Gli effetti collaterali sono ancora preoccupanti.

L’artiglio del diavolo è una pianta originaria dei deserti dell’Africa meridionale e sudorientale. Gli estratti della radice della pianta sono utilizzati a livello medico per trattare diverse malattie. È possibile acquistare l’artiglio del diavolo presso i rivenditori al dettaglio.

Ad oggi non si conosce ancora completamente il funzionamento dell’artiglio del diavolo. Studi di laboratorio hanno scoperto che gli estratti della radice della pianta possono bloccare diverse vie che causano l’infiammazione articolare. Si pensa che queste proprietà antinfiammatorie siano dovute al suo principio attivo, l’arpagoside, ma gli studi sugli animali hanno rilevato che le sue proprietà antidolorifiche non possono essere spiegate solo da questo ingrediente.

È stato segnalato che l’artiglio del diavolo interagisce con anticoagulanti, antidolorifici, farmaci per il cuore (ad esempio la digossina) e farmaci per l’acidità di stomaco (ad esempio la famotidina). Si consiglia di assumere una dose di 500-1.500 mg di radice essiccata o di capsule tre volte al giorno.

  Piante con foglie lunghe e sottili

نبات الكلاب أو مخلب الشيطان

Pianta erbacea perenne. La sua radice principale scende molto profondamente in verticale nella terra e ha radici secondarie con tuberi bulbosi che possono pesare fino a 1,5 kg. Le sue foglie verde chiaro sono carnose, opposte e lobate con piccioli. I suoi fiori solitari a forma di tromba (da 4 a 6 cm), di colore rosa pallido, evolvono gradualmente verso il viola rossastro a maturità. I frutti legnosi, molto caratteristici, lunghi da 10 a 20 cm, poggiano direttamente sul terreno e presentano ai lati aculei uncinati che conferiscono loro la caratteristica forma ad artiglio.

Le indicazioni sulla salute presenti sul nostro sito web in relazione alle piante contenute nei nostri prodotti sono conformi all’elenco delle indicazioni sulla salute in attesa di valutazione finale da parte delle autorità comunitarie (cfr. sito web della Commissione Europea: http://ec.europa.eu/nuhclaims/). Tuttavia, possono essere soggette a modifiche in seguito alla valutazione da parte delle autorità nazionali competenti.

Le indicazioni sulla salute relative ad altri nutrienti o sostanze contenute nei nostri prodotti che compaiono sul nostro sito sono conformi al Regolamento n. 432/2012 della Commissione del 16 maggio 2012 che stabilisce un elenco di indicazioni sulla salute autorizzate in relazione ai prodotti alimentari, diverse da quelle in riferimento alla riduzione del rischio di malattia nonché allo sviluppo della comunità e alla salute dei bambini (cfr. sito web della Commissione europea: http://ec.europa.eu/nuhclaims/).

Artiglio del diavolo

La vostra transazione è sicura Lavoriamo duramente per proteggere la vostra sicurezza e la vostra privacy. Il nostro sistema di sicurezza dei pagamenti cripta le vostre informazioni durante la trasmissione. Non condividiamo i dati della vostra carta di credito con venditori terzi e non vendiamo le vostre informazioni a terzi. Per saperne di più

  Piante artificiali di alta qualità

Balsamo all’artiglio del diavolo Per una cura lenitiva e rilassante di pelle, muscoli e articolazioni. Con i preziosi estratti della radice dell’artiglio del diavolo africano. Gli estratti di ippocastano, arnica e comfrey favoriscono la circolazione sanguigna e sono antinfiammatori. Il rosmarino, le foglie di chiodo di garofano e l’olio di bacche di ginepro favoriscono l’effetto calmante e lenitivo. Il vero miele di fiori e gli oli naturali di jojoba e avocado forniscono alla pelle importanti lipidi e la idratano, rendendola delicata, liscia ed elastica. Applicazione: Applicare semplicemente il balsamo artiglio del diavolo sulle zone interessate, secondo le necessità, e massaggiare delicatamente. Non utilizzare in caso di allergia ai fiori di cesto.

Sonia Ricci

Sonia Ricci è una studentessa di biologia e blogger che scrive della sua prospettiva unica sulla scienza. Il suo blog tratta argomenti che vanno dalle ultime ricerche sull'impatto del cambiamento climatico alle opinioni sulle implicazioni etiche delle nuove tecnologie genetiche. Sonia è appassionata nel rendere la scienza accessibile a tutti e crede che tutti possano trovare qualcosa di interessante nella biologia se si prendono il tempo di cercarlo: seguite il suo blog per aggiornamenti regolari!