I fondi di caffè fanno bene alle piante

I fondi di caffè fanno bene alle piante

Scorrimento dei fondi di caffè

I bar spesso regalano i fondi di caffè ai giardinieri, in quanto sono un prodotto di scarto che normalmente dovrebbero pagare per smaltire. Per i giardinieri amanti del caffè come me, questa risorsa disponibile gratuitamente sembra una vera manna. Ma alcuni giardinieri suggeriscono che l’uso dei fondi di caffè potrebbe essere inefficace o, peggio, dannoso per le piante.

La pacciamatura è incredibilmente benefica, ma è notoriamente difficile reperire compost, paglia o altra materia organica in quantità sufficiente e a un prezzo abbastanza basso. L’uso di fondi di caffè gratuiti sembra la soluzione perfetta, ma alcuni giardinieri hanno scoperto che l’uso di fondi di caffè direttamente sul terreno ha avuto un effetto disastroso sulle piante. Tuttavia, questo sembra essere legato all’uso di spesse coltri di caffè per pacciamare le piante e i semi.

Il motivo potrebbe essere che i chicchi di caffè contengono caffeina, che si dice sopprima la crescita di altre piante per ridurre la competizione per lo spazio, i nutrienti, l’acqua e la luce del sole. La quantità di caffeina effettivamente presente nei fondi di caffè usati è discutibile e alcune piante sono più sensibili alla caffeina di altre. Sarebbe opportuno evitare di spargere fondi di caffè intorno a semi o piantine, perché potrebbero inibire la germinazione e la crescita.

Cosa fare con i vecchi chicchi di caffè

Colleen Vanderlinden è un’esperta di giardinaggio biologico e autrice del libro “Edible Gardening for the Midwest”. Coltiva frutta e verdura da oltre 12 anni e scrive professionalmente da oltre 15 anni. Per contribuire a far progredire il movimento del giardinaggio biologico, nel 2003 ha creato un sito web di giardinaggio biologico, “In the Garden Online”, e nel 2007 ha lanciato i Mouse & Trowel Awards per premiare i blogger di giardinaggio.

  La pianta che cresce più in fretta

Julie Thompson-Adolf è una maestra di giardinaggio e autrice. Ha più di 13 anni di esperienza nel giardinaggio biologico durante tutto l’anno, nell’avvio e nella conservazione dei semi, nella coltivazione di piante cimeli, perenni e annuali e nell’agricoltura sostenibile e urbana.

Se preparate ogni giorno una caffettiera, avete una favolosa fonte di materia organica a portata di mano. I fondi di caffè possono rendere più felice il vostro giardino in diversi modi, non solo perché il caffè vi dà più energia per diserbare e potare. Non buttate i fondi! Potete metterli al lavoro.

Mettete i fondi di caffè nella vostra compostiera. Esistono due tipi di materiale per il compost: marrone e verde. I fondi di caffè possono essere di colore marrone, ma nel gergo del compost sono materiali verdi, cioè ricchi di azoto. I fondi di caffè contengono circa l’1,45% di azoto. Contengono anche magnesio, calcio, potassio e altri minerali in tracce. Altri materiali verdi per il compost sono gli scarti alimentari e l’erba tagliata.

Pacciamatura con fondi di caffè

A seconda di quanto siete appassionati di giardinaggio, potreste sapere che l’utilizzo di fondi di caffè usati nel vostro giardino è un argomento molto dibattuto. Alcune persone giurano di utilizzare i fondi di caffè per la coltivazione delle piante, mentre altre dicono che è la cosa peggiore che si possa fare per il giardino. Quale opinione è corretta e come si fa a sapere di quale parte fidarsi? Come si fa a sapere se è il caso o meno di mettere i fondi di caffè usati in giardino? Abbiamo studiato per voi i pro e i contro e li abbiamo analizzati di seguito per permettervi di decidere come utilizzare i fondi di caffè in giardino.

  Piante per allontanare le zanzare

L’uso della pacciamatura in giardino può essere utile, ma molte persone ritengono che il costo della pacciamatura sia troppo elevato per trasformarla in materia organica. La paglia e il compost possono essere utilizzati come pacciamatura, ma non molte persone hanno tonnellate di paglia in giro e il compost richiede mesi per essere creato. Sembra quindi che i fondi di caffè siano la soluzione perfetta per i giardinieri che hanno bisogno di pacciamatura.

Tuttavia, i fondi di caffè possono danneggiare le radici delle piantine inibendone la crescita se applicati troppo spesso. Inoltre, il caffè contiene caffeina, che si è scoperto essere in grado di sopprimere la crescita delle piante. I fondi di caffè sono particelle minuscole che tendono ad aggregarsi e a formare grumi. Questi grumi possono diventare una barriera per l’acqua e gli altri nutrienti che le piante devono assorbire.

Fondi di caffè deutsch

Un paio di post fa ho scritto che i gigli della pace crescono molto bene se si aggiunge la giusta quantità di fondi di caffè. Potrebbe sembrare uno strano connubio, i fondi di caffè e la vostra pianta, ma avete provato con le vostre ninfee ed ecco che hanno prosperato. Probabilmente vi sarete chiesti: anche altre mie piante d’appartamento amano i fondi di caffè? Se sì, quali piante d’appartamento?

  Sapone di marsiglia piante afidi

Alle piante da interno piacciono i fondi di caffè? Sì! I fondi di caffè possono essere particolarmente benefici per le piante d’appartamento se usati come pacciame, antiparassitario, compost o fertilizzante. È anche possibile innaffiare le piante usando il caffè. Assicuratevi solo di limitare le quantità di caffè, perché troppa caffeina può bloccare la crescita delle piante e aumentare il rischio di malattie fungine.

In questo articolo vi illustrerò tutto ciò che c’è da sapere sull’alimentazione delle piante d’appartamento con fondi di caffè e/o caffè liquido. Da quali piante amano essere nutrite con il caffè all’aggiunta di caffè come fertilizzante naturale, fino all’unica avvertenza sull’uso del caffè sulle piante che tutti i giardinieri devono sapere!

Sonia Ricci

Sonia Ricci è una studentessa di biologia e blogger che scrive della sua prospettiva unica sulla scienza. Il suo blog tratta argomenti che vanno dalle ultime ricerche sull'impatto del cambiamento climatico alle opinioni sulle implicazioni etiche delle nuove tecnologie genetiche. Sonia è appassionata nel rendere la scienza accessibile a tutti e crede che tutti possano trovare qualcosa di interessante nella biologia se si prendono il tempo di cercarlo: seguite il suo blog per aggiornamenti regolari!