Coltivare la pianta di neem

Coltivare la pianta di neem

Come far crescere più velocemente l’albero di neem

L’Azadirachta indica, comunemente nota come neem, nimtree o lillà indiano,[3] è un albero della famiglia delle Meliaceae. È una delle due specie del genere Azadirachta ed è originario del subcontinente indiano e della maggior parte dei Paesi africani. È tipicamente coltivato nelle regioni tropicali e semi-tropicali. Gli alberi di neem crescono anche sulle isole dell’Iran meridionale. I suoi frutti e semi sono la fonte dell’olio di neem.

Questa sezione necessita di ulteriori citazioni per la verifica. Si prega di contribuire a migliorare questo articolo aggiungendo citazioni a fonti affidabili. Il materiale privo di fonti può essere contestato e rimosso.Trova fonti:  “Azadirachta indica” – notizie – giornali – libri – scholar – JSTOR (maggio 2019) (Scopri come e quando rimuovere questo messaggio template)

Il neem è un albero a crescita rapida che può raggiungere un’altezza di 15-20 metri (49-66 ft), e raramente 35-40 m (115-131 ft). È un albero deciduo, che perde molte delle sue foglie durante i secchi mesi invernali. I rami sono larghi e diffusi. La chioma, piuttosto densa, è tondeggiante e può raggiungere un diametro di 20-25 m (66-82 ft). L’albero del neem è simile nell’aspetto al suo parente, il chinaberry (Melia azedarach).[4]

Piantare un albero di neem astrologia

Il neem, noto anche come Nimtree o lillà indiano, è un albero fiorito della famiglia dei mogani. Il neem è originario del sud-est asiatico, probabilmente dell’India, dove i suoi fiori, la corteccia e i semi sono stati usati per secoli come cibo e medicina.

Il neem è un albero sempreverde alto e a crescita rapida, con rami larghi molto attraenti che formano chiome piene, dense e bellissime.  L’albero di Neem è una pianta a bassa manutenzione, che può crescere quasi ovunque nei tropici di pianura. Prospera in condizioni calde e dovrà essere protetto dal gelo o dal freddo prolungato fino a quando non si sarà ben consolidato.

  La pianta di limone ha bisogno di sole

Summer EssentialsStrumenti e forniture per l’orto che vi faranno scavareSow Exotic ha tutto ciò di cui il vostro orto ha bisogno per prosperare, dalla semina al raccolto, con strumenti professionali per l’orto, fertilizzanti organici e modifiche del terreno.

Come far crescere una pianta di neem dal fusto

L’albero del neem appartiene alla famiglia dei mogani ed è originario di alcune zone dell’Asia e dell’Africa. In India, l’albero del neem è comunemente chiamato “albero divino”, per i suoi molteplici usi. Poiché l’albero di neem è originario del clima caldo dell’Asia e dell’Africa, può essere difficile da coltivare, soprattutto nelle regioni più fredde. Tuttavia, è possibile coltivare un albero di neem in un contenitore in qualsiasi ambiente, con un po’ di cura e attenzione.

Piantate i semi di neem a 1 centimetro di profondità nel terriccio di un vaso grande. Assicuratevi che l’albero sia piantato nel vaso più grande possibile. Si consiglia di utilizzare un terriccio di alta qualità, data la grande quantità di sostanze nutritive di cui l’albero di neem ha bisogno.

Concimare l’albero di neem mensilmente una volta che è germogliato. Questo può richiedere da pochi giorni a una o due settimane. Utilizzate un fertilizzante ben bilanciato, ad esempio una miscela 20-20-20. Il primo numero sta per l’azoto e il secondo per l’azoto. Il primo numero indica il contenuto di azoto, il secondo la quantità di fosforo e il terzo il potassio.

  Lauroceraso distanza tra le piante

Innaffiate l’albero di neem solo quando il terreno è asciutto. È molto facile esagerare con l’acqua e le radici sono soggette a marciume radicale e funghi. Se le foglie iniziano ad appassire, anche se si sta annaffiando correttamente, riempire un flacone spray con acqua e spruzzare una nebbia sulle foglie.

Possiamo piantare un albero di neem in casa

Scoprite come coltivare un albero di neem in contenitore per renderlo nano e come prendersi cura di un albero di neem in vaso. Coltivare un albero di neem in contenitore è utile se non avete spazio in giardino o se vivete in climi freddi.    Potete tenere il vostro albero di neem in vaso sul terrazzo o sul balcone e spostarlo all’interno per proteggerlo dalle intemperie. Ma si può davvero coltivare un albero di neem in casa? Albero di neem in vasoLa foto qui sopra mostra un albero di neem di tre anni che ho coltivato a Sydney, in Australia, partendo da un seme in un vaso. Sia che abbiate coltivato la vostra pianta di neem dai semi in casa o che l’abbiate propagata da una talea di neem (coltivare l’albero di neem da semi e talee) o che l’abbiate acquistata in un vivaio, la prima cosa da fare è rinvasarla in un nuovo contenitore più grande.Dimensioni del vaso per la coltivazione dell’albero di neemLa prima cosa importante per coltivare un albero di neem in vaso è scegliere le dimensioni corrette del vaso.Miscela di terriccio per la coltivazione del neemPozione: Dove piantare l’albero di Neem in contenitorePotatura dell’albero di Neem in vaso

  Frasi su piante e amore

Cura dell’albero di neem in invernoPotete curare il vostro albero di neem in inverno e salvarlo dall’essiccamento con le seguenti misure.Come coltivare l’albero di neem in casaI semi di neem possono essere seminati in terra e tenuti in casa per far crescere le piantine. Se state facendo germinare i semi di neem con il metodo del tovagliolo di carta, tenete i semi avvolti in una carta umida in un luogo caldo.  L’albero di neem piantato può essere coltivato in casa, l’importante è posizionarlo nel punto più luminoso della casa.Evitate di tenere la vostra pianta di neem in vaso in una stanza riscaldata, ma se non potete evitarlo potete usare un umidificatore nella stanza o nebulizzare le foglie.Tasso di crescita dell’albero di neem in vasoTasso di crescita dell’albero di neem in inverno

Sonia Ricci

Sonia Ricci è una studentessa di biologia e blogger che scrive della sua prospettiva unica sulla scienza. Il suo blog tratta argomenti che vanno dalle ultime ricerche sull'impatto del cambiamento climatico alle opinioni sulle implicazioni etiche delle nuove tecnologie genetiche. Sonia è appassionata nel rendere la scienza accessibile a tutti e crede che tutti possano trovare qualcosa di interessante nella biologia se si prendono il tempo di cercarlo: seguite il suo blog per aggiornamenti regolari!