Calcio per piante fai da te

Calcio per piante fai da te

Fonti biologiche di calcio per le piante

Megan SlackNews EditorMegan è News and Trends Editor di Homes & Gardens. È entrata a far parte di Future Plc come redattrice di notizie per le sue testate di arredamento, tra cui Livingetc e Real Homes. In qualità di News Editor, si concentra spesso su microtendenze emergenti, storie di sonno e benessere e articoli incentrati sulle celebrità. Prima di entrare in Future, Megan ha lavorato come News Explainer presso The Telegraph, dopo aver conseguito un master in giornalismo internazionale presso l’Università di Leeds. Durante la laurea in Letteratura inglese e scrittura creativa, ha fatto esperienza di scrittura negli Stati Uniti studiando a New York. Megan si è anche concentrata sulla scrittura di viaggi durante il periodo trascorso a Parigi, dove ha prodotto contenuti per un sito di viaggi francese. Attualmente vive a Londra con la sua antica macchina da scrivere e una vasta collezione di piante da appartamento.

Come si prepara il calcio fatto in casa per le piante?

L’esperta di casa e giardino Laurice Constantine (si apre in una nuova scheda) suggerisce di far bollire 20 uova in un tegame con 1 gallone d’acqua coperto in grado di produrre calcio spray per le piante con guscio d’uovo. È necessario portare il composto a ebollizione prima di abbassare il fuoco e lasciare raffreddare la soluzione per 24 ore.

Qual è la migliore fonte di calcio per le piante?

Le fonti organiche di calcio includono la calce dolomitica, la calcite, il guscio d’ostrica macinato (farina di guscio d’ostrica) e i gusci d’uovo schiacciati. Fonte economica e prontamente disponibile di Ca e Magnesio (Mg) nei terreni acidi. Non utilizzare se i livelli di Mg nel terreno sono adeguati o eccessivi, per evitare la tossicità delle piante.

  Piante in acquario senza co2

Spray fogliare di calcio

Il calcio è essenziale per noi esseri umani come per le nostre piante.    Preparare il proprio calcio solubile in acqua per il giardinaggio naturale o l’agricoltura è facile come due semplici ingredienti: aceto fermentato biologico e gusci d’uovo.

Il calcio e il fosforo sono minerali che sostengono le piante durante la fase di transizione. Il periodo che intercorre tra la fioritura e la fruttificazione di una pianta (fase di passaggio) è molto simile al periodo della gravidanza, quando sono necessari nutrienti essenziali per aiutare la prossima generazione di specie a evolversi.

Preparare la propria WSC è semplice: estraete il calcio da qualcosa che normalmente buttereste: i gusci d’uovo. Se consumate uova o allevate polli, è facilissimo produrre il calcio idrosolubile in casa.

Nell’agricoltura naturale è importante aggiungere calcio e fosforo in determinati momenti dello sviluppo della pianta. Il calcio è necessario nelle fasi iniziali della pianta per favorire una crescita forte. Il fosforo è importante nel periodo tra il ciclo vegetativo e la fioritura.

  Agriturismo la piantata b&b

Calcio liquido per piante

Megan SlackNews EditorMegan è News and Trends Editor di Homes & Gardens. È entrata a far parte di Future Plc come redattrice di notizie per le sue testate di arredamento, tra cui Livingetc e Real Homes. In qualità di News Editor, si concentra spesso su microtendenze emergenti, storie di sonno e benessere e articoli incentrati sulle celebrità. Prima di entrare in Future, Megan ha lavorato come News Explainer presso The Telegraph, dopo aver conseguito un master in giornalismo internazionale presso l’Università di Leeds. Durante la laurea in Letteratura inglese e scrittura creativa, ha fatto esperienza di scrittura negli Stati Uniti, studiando a New York. Megan si è anche concentrata sulla scrittura di viaggi durante il periodo trascorso a Parigi, dove ha prodotto contenuti per un sito di viaggi francese. Attualmente vive a Londra con la sua antica macchina da scrivere e una vasta collezione di piante da appartamento.

Il calcio dei gusci d’uovo per le piante

Vedi altre foto Può sembrare un’esca, ma è bene sapere subito che i sali di Epsom non contengono calcio. Ciò significa che non possono aggiungere calcio alle piante che ne sono carenti. Tuttavia, il prodotto può essere usato come fertilizzante per aggiungere magnesio e zolfo al terreno del giardino.

I sali di Epsom sono stati “scoperti” nel 1600 nella città di Epsom, in Inghilterra. Questo è certo. La storia racconta che un contadino notò che le sue mucche non bevevano l’acqua di un certo pozzo minerale. Assaggiò l’acqua e la trovò amara, ma scoprì anche che aiutava a guarire i graffi sulla pelle.

  Pianta più antica del mondo

Così i sali di Epsom divennero noti al pubblico. Sono formati da una roccia chiamata dolomite che appartiene a un grande gruppo di sostanze note come “sali”. Mentre la polvere originale conteneva solfato di calcio e poteva aggiungere calcio a un letto di piante, oggi non è più così. I moderni sali di Epsom non contengono calcio, ma solfato di magnesio, che è una miscela di magnesio e solfato, chiamata anche MgSO₄.

Sonia Ricci

Sonia Ricci è una studentessa di biologia e blogger che scrive della sua prospettiva unica sulla scienza. Il suo blog tratta argomenti che vanno dalle ultime ricerche sull'impatto del cambiamento climatico alle opinioni sulle implicazioni etiche delle nuove tecnologie genetiche. Sonia è appassionata nel rendere la scienza accessibile a tutti e crede che tutti possano trovare qualcosa di interessante nella biologia se si prendono il tempo di cercarlo: seguite il suo blog per aggiornamenti regolari!