Bustine di te nelle piante

Bustine di te nelle piante

Ricerca sulle bustine di tè come fertilizzanti

Come il caffè, anche le bustine di tè e il tè sfuso vengono utilizzati come fertilizzanti per le piante d’appartamento. Devo confessare che fino a poco tempo fa non avevo mai usato le bustine di tè per le mie piante d’appartamento, né ero propensa a farlo.

Se aggiungete le foglie di tè a un cumulo di compost o se le versate direttamente nel terreno, potete migliorare il drenaggio del terreno, aiutarlo a trattenere meglio l’umidità e creare un ambiente favorevole ai lombrichi.

Alcuni tè hanno proprietà anticrittogamiche che possono contribuire a inibire la crescita dei funghi sia sulla superficie del terreno sia sul fogliame delle piante. I tè più comunemente utilizzati per le loro proprietà antifungine sono la camomilla e il tè nero.

La domanda è: usare direttamente le bustine di tè o usare solo le foglie sfuse della bustina? Inoltre, bisogna lavorare il tè nel terreno o cospargerlo? E infine, è meglio usare foglie di tè compostate o non compostate?

Infine, vi consiglio di compostare prima le foglie di tè e di aggiungerle al terreno solo in un secondo momento. In questo modo è possibile potenziare ulteriormente le proprietà benefiche di queste foglie e potenzialmente evitare problemi legati al contenuto di caffeina e all’acidità del terreno.

È bene mettere le bustine di tè nelle piante?

Il compostaggio delle bustine di tè è un metodo di smaltimento “verde” e ottimo per la salute di tutte le piante, in quanto fornisce materia organica per aumentare il drenaggio e mantenere l’umidità, promuove i lombrichi, aumenta i livelli di ossigeno e mantiene la struttura del terreno per un giardino più bello.

  Le migliori piante da giardino

Cosa succede quando si mettono le bustine di tè nel giardino?

“Le foglie di tè contengono acido tannico e sostanze nutritive che sono fertilizzanti naturali per il giardino”, afferma Natural Ways. Quando le foglie e la bustina si decompongono, rilasciano le sostanze nutritive nel terreno, creando un’area di crescita ideale. Aiutano a trattenere l’acqua e molti giardinieri le piantano accanto alle radici delle loro piante.

A quali piante sono utili i fondi di tè?

Il pH del suolo e le piante amanti dell’acido

Utilizzate i fondi di tè freschi e usati solo su piante che amano gli acidi, come rosai e felci. Il modo migliore per monitorare l’acidità del terreno è il test del pH con un kit di analisi domestico.

Bustine di tè per piante di pomodoro

Nota: assicuratevi sempre che le bustine di tè non siano in polipropilene (termoplastico). Se la bustina di tè è scivolosa al tatto e ha i bordi termosaldati, probabilmente è di polipropilene. Tuttavia, non buttatela via, ma aprite la bustina e utilizzate le foglie di tè contenute.

Le bustine di tè sono ottime da aggiungere al cumulo di compost perché aggiungono azoto al compost e attirano anche i batteri buoni. Il tè ottiene il suo caratteristico sapore forte da un composto chiamato tannino. Il tannino è un fertilizzante naturale che genera la crescita di nuove piante.

L’acido tannico contenuto nelle foglie di tè può modificare e abbassare leggermente il pH del terreno. Le piante d’appartamento, come le felci, preferiscono i terreni acidi. Fertilizzatele utilizzando il tè avanzato nei vasi per annaffiarle, o semplicemente utilizzando le foglie di tè e lavorandole nel terreno dei loro vasi. Lo stesso vale per le piante da esterno come le ortensie, le asalee e le camelie. Anche le rose amano il tè.

  Pianta che si chiude di notte

Le bustine di tè possono essere utilizzate per far germogliare i semi. Appiattite la bustina di tè su un piatto e mettete i semi che volete far germogliare sulla superficie umida della bustina. Inumiditela leggermente ogni giorno finché i semi non spuntano sulla bustina, quindi trasferite l’intera bustina all’aperto e mettetela sul terreno. La pianta crescerà nel terreno, utilizzando la bustina di tè come combustibile.

Cosa fare con le bustine di tè usate in giardino

Quando finite di bere il tè, buttate le bustine usate nella spazzatura? Tuttavia, possono essere molto utili per il vostro giardino. I filtri sono spesso biodegradabili e le foglie di tè offrono molti benefici al terreno e alle piante. Ecco i nostri 11 consigli per riciclare le bustine di tè in giardino.

Sentitevi liberi di mettere le bustine di tè in giardino, la maggior parte dei filtri sono biodegradabili. Infatti, molte bustine sono fatte di fibre vegetali, in particolare di abaca. Ciò significa che le bustine di tè possono essere facilmente decomposte nel terreno senza inquinare il suolo. Tuttavia, prima di riciclare la bustina in giardino, è bene verificare il materiale di cui è fatta. Alcune bustine sono ancora in plastica. In questo caso, non esitate ad aprire la bustina e a recuperarne il contenuto. Potete utilizzare solo il tè preparato per i prossimi consigli.

In casa, ogni piccolo gesto ecologico conta per la salute del pianeta. Utilizzando le bustine di tè in giardino, si dà loro una seconda vita e si producono meno rifiuti. In questo modo si evita che vengano bruciate insieme ai rifiuti domestici, senza essere riciclate. Inoltre, i vostri vecchi tè, decomponendosi, fanno un favore alla natura.

  La lavanda è una pianta perenne

Bustine di tè usate per piante d’appartamento

Lucy SearleCaporedattore globaleLucy Searle scrive di interni, proprietà e giardini dal 1990, lavorando nei reparti interni di riviste femminili prima di passare a titoli di soli interni a metà degli anni Novanta. È stata Associate Editor di Ideal Home e Launch Editor della rivista 4Homes, prima di passare al digitale nel 2007, lanciando il sito web di punta di Channel 4, Channel4.com/4homes.  Nel 2018, Lucy ha assunto il ruolo di Global Editor in Chief per Realhomes.com, portando il sito da una piccola rivista aggiuntiva a un successo globale. Le è stato chiesto di ripetere questo successo presso Homes & Gardens, dove ha assunto anche la direzione della rivista.

Sonia Ricci

Sonia Ricci è una studentessa di biologia e blogger che scrive della sua prospettiva unica sulla scienza. Il suo blog tratta argomenti che vanno dalle ultime ricerche sull'impatto del cambiamento climatico alle opinioni sulle implicazioni etiche delle nuove tecnologie genetiche. Sonia è appassionata nel rendere la scienza accessibile a tutti e crede che tutti possano trovare qualcosa di interessante nella biologia se si prendono il tempo di cercarlo: seguite il suo blog per aggiornamenti regolari!