Quanti cavolfiori produce una pianta

Quanti cavolfiori produce una pianta

Quanti cavoli per pianta

Questo articolo è stato scritto da Lauren Kurtz. Lauren Kurtz è una naturalista e specialista in orticoltura. Lauren ha lavorato per Aurora, in Colorado, gestendo il Water-Wise Garden presso l’Aurora Municipal Center per il Water Conservation Department. Ha conseguito una laurea in Studi ambientali e di sostenibilità presso la Western Michigan University nel 2014.

Raccogliete il cavolfiore quando è bianco, sodo e grande. In genere, è pronto circa 2-3 mesi dopo aver piantato le piantine. Praticate un taglio verso la base della pianta e rimuovete le foglie, quindi conservate in frigorifero o congelate il cavolfiore fino al momento di cucinarlo. Il cavolfiore si mantiene fresco in frigorifero fino a una settimana.

Questo articolo è stato scritto da Lauren Kurtz. Lauren Kurtz è una naturalista e specialista in orticoltura. Lauren ha lavorato per Aurora, in Colorado, gestendo il Water-Wise Garden presso l’Aurora Municipal Center per il Water Conservation Department. Ha conseguito una laurea in Studi ambientali e di sostenibilità presso la Western Michigan University nel 2014. Questo articolo è stato visualizzato 67.800 volte.

Quando piantare il cavolfiore

Questo articolo è stato scritto da Lauren Kurtz. Lauren Kurtz è una naturalista e specialista in orticoltura. Lauren ha lavorato per Aurora, Colorado, gestendo il Water-Wise Garden presso l’Aurora Municipal Center per il Water Conservation Department. Ha conseguito una laurea in Studi ambientali e di sostenibilità presso la Western Michigan University nel 2014.

  Far fiorire pianta kalanchoe come curarla

Raccogliete il cavolfiore quando è bianco, sodo e grande. In genere, è pronto circa 2-3 mesi dopo aver piantato le piantine. Praticate un taglio verso la base della pianta e rimuovete le foglie, quindi conservate in frigorifero o congelate il cavolfiore fino al momento di cucinarlo. Il cavolfiore si mantiene fresco in frigorifero fino a una settimana.

Questo articolo è stato scritto da Lauren Kurtz. Lauren Kurtz è una naturalista e specialista in orticoltura. Lauren ha lavorato per Aurora, in Colorado, gestendo il Water-Wise Garden presso l’Aurora Municipal Center per il Water Conservation Department. Ha conseguito una laurea in Studi ambientali e di sostenibilità presso la Western Michigan University nel 2014. Questo articolo è stato visualizzato 67.800 volte.

I broccoli producono più di una volta

Il cavolfiore appartiene alla famiglia dei cavoli, ma non è facile da coltivare come il cavolo. Il gusto delizioso e la versatilità che offre alla vostra dieta valgono lo sforzo supplementare; alcuni considerano il cavolfiore addirittura una prelibatezza! Il cavolfiore è un ortaggio di stagione fresca che può essere piantato una o due settimane prima dell’ultima gelata, all’inizio della primavera. Si può anche piantare in estate per un raccolto autunnale precoce. Prima di piantare il cavolfiore, dedicategli il tempo e l’impegno necessari per capire in quali condizioni climatiche e di terreno si trova meglio, per garantire il successo della coltivazione di questo ortaggio.

  Come stabilizzare fiori e piante

Il cavolfiore cresce meglio in terreni fertili, ben drenati e costantemente umidi. Deve essere piantato in pieno sole (almeno 6 ore al giorno). Il livello di pH ottimale per il cavolfiore è compreso tra 6,0 e 7,0. Il terreno deve essere ricco di materia organica e di azoto. Il cavolfiore è schizzinoso per quanto riguarda il clima in cui cresce. Il troppo freddo o il troppo caldo possono compromettere la qualità e la quantità delle teste. Poiché il tempo è così difficile da prevedere, questo equilibrio può essere difficile da gestire. Ci possono essere stagioni in cui il cavolfiore produce meglio di altre semplicemente a causa del clima.

Quante piante di cavolfiore per persona

Il cavolfiore è uno dei diversi ortaggi della specie Brassica oleracea del genere Brassica, appartenente alla famiglia delle Brassicaceae (o senape). È una pianta annuale che si riproduce per seme. In genere si mangia solo la testa, la cui polpa bianca commestibile viene talvolta chiamata “cagliata” (con un aspetto simile alla cagliata del formaggio).[1] La testa del cavolfiore è composta da un meristema di infiorescenza bianco. Le teste dei cavolfiori assomigliano a quelle dei broccoli, che si differenziano per la presenza di boccioli di fiori come parte commestibile. La Brassica oleracea comprende anche i broccoli, i cavoletti di Bruxelles, i cavoli, le bietole e i cavoli, chiamati collettivamente “cole”,[2] sebbene appartengano a gruppi di cultivar diversi.

  Piante da giardino sempreverdi con fiori

Plinio il Vecchio incluse il cipero tra le piante coltivate che descrisse nella Storia Naturale: “Ex omnibus brassicae generibus suavissima est cyma”,[3] (“Di tutte le varietà di cavolo la più gradevole al gusto è il cyma”).[4] La descrizione di Plinio si riferisce probabilmente alle teste fiorite di una precedente varietà coltivata di Brassica oleracea.[5]

Sonia Ricci

Sonia Ricci è una studentessa di biologia e blogger che scrive della sua prospettiva unica sulla scienza. Il suo blog tratta argomenti che vanno dalle ultime ricerche sull'impatto del cambiamento climatico alle opinioni sulle implicazioni etiche delle nuove tecnologie genetiche. Sonia è appassionata nel rendere la scienza accessibile a tutti e crede che tutti possano trovare qualcosa di interessante nella biologia se si prendono il tempo di cercarlo: seguite il suo blog per aggiornamenti regolari!