Pianta con fiori che sembrano secchi

Pianta con fiori che sembrano secchi

I migliori fiori da essiccare in gel di silice

Il cardo è noto soprattutto per le sue foglie spinose che circondano i fiori e per le sue bellissime fioriture che variano dal rosa scuro al color lavanda. Esistono molte varietà di cardi, tra cui il cardo mariano e il cardo silvestre. Sono fiori selvatici resistenti della famiglia delle margherite che mantengono bene il loro colore e la loro forma se essiccati correttamente. Raccogliendo i fiori a metà estate, poco prima della loro piena fioritura, ed essiccandoli, è possibile gustarli tutto l’anno.

Sistemate i cardi nei barattoli di latta con il lato destro rivolto verso l’alto, come se li steste sistemando. Grazie ai gambi robusti e ai capolini leggeri, l’essiccazione dei cardi con il lato destro verso l’alto è il metodo migliore per l’essiccazione all’aria. Non sovraffollate i fiori nei barattoli.

Suggerimento Le delicate e lunghe brattee aghiformi del cardo non si asciugano bene con il microonde o con i metodi di essiccazione. Gli steli saranno fragili e si spezzeranno facilmente una volta essiccati. È possibile utilizzare del filo di ferro per fioristi per sostenere i fiori. Una leggera spruzzata di lacca per capelli, spray trasparente per artigianato o lacca trasparente rafforzerà i fiori di cardo essiccati.

Come si chiamano i fiori secchi?

Il pot-pourri (/poʊpʊˈriː/ poh-puu-REE) è una miscela di materiali vegetali essiccati e naturalmente profumati, utilizzata per fornire un delicato profumo naturale, comunemente in ambienti residenziali.

Cosa sono i fiori secchi?

Dopo i fiori freschi, i fiori secchi sono una meravigliosa opzione floreale sostenibile. I fiori secchi vengono essenzialmente disidratati, privandoli della loro naturale umidità. Questo risultato si ottiene con diversi metodi e alcune varietà di fiori e fogliame sono molto più facili da essiccare di altre.

  Semi di fiori da piantare

Qual è il nome comune delle piante essiccate?

Che cos’è un erbario? Un erbario è una raccolta di piante essiccate che vengono conservate appiattite tra fogli di carta. Ogni pianta è chiamata con il suo nome scientifico e il suo nome comune (o nome vernacolare).

Le migliori piante da essiccare per la decorazione

Con una vasta esperienza di scrittura per riviste di design e architettura, Kelly Roberson è una professionista esperta. Come scrittrice freelance per oltre 13 anni, Kelly è stata project manager, redattrice e scrittrice per un lungo elenco di riviste, tra cui molte testate di giardinaggio, home design e artigianato per le vacanze. Oggi lavora allo sviluppo di contenuti creativi per clienti di marketing in diversi settori, tra cui la pianificazione finanziaria. Kelly Roberson si è laureata alla Drake University in giornalismo e scienze politiche.

Che si tratti di un ritorno agli anni ’70 o dell’ultima moda del movimento dei maker, i fiori secchi sono tornati alla grande. Sono l’accento perfetto per ghirlande, bouquet di lunga durata o altri progetti di decorazione. Inoltre, essiccare i fiori che avete coltivato voi stessi è un modo eccellente per prolungare il piacere dei frutti del vostro lavoro. Fortunatamente, è facile conservare tutti i tipi di fiori, essiccandoli all’aria, facendoli girare nel microonde o usando il gel di silice. Seguite questi semplici passaggi e scoprite come conservare al meglio i vostri fiori secchi per farli durare il più a lungo possibile.

  Piante e fiori da balcone soleggiato

I migliori fiori da coltivare per l’essiccazione

Dovrete indossare dei guanti per proteggere le mani quando lavorate con i cardi spinosi, ma questi fiori sono sorprendenti quando vengono essiccati. Tagliate gli steli delle piante dopo l’evaporazione della rugiada mattutina, poco prima che i boccioli siano completamente aperti o che i fiori siano completamente maturi. Di solito continuano ad aprirsi anche dopo il taglio. Legate gli steli insieme e fateli asciugare all’aria, a testa in giù, in un luogo buio e asciutto. In figura: Cardo mariano ‘Blue Glow’.

La celosia, o cresta di gallo, è un eccellente fiore “eterno”. Raccogliete gli steli della celosia piumata, come ‘Dragon’s Breath’, quando i fiori sono quasi completamente aperti. Tagliate la celosia crestata quando i semi iniziano a formarsi sotto il pettine. Appendete entrambi i tipi a testa in giù in un luogo fresco e buio per farli essiccare per circa un mese.

I fiori di paglia come Sundaze Blaze (Bracteantha o Xerochrysum) devono essere raccolti prima che il centro dei fiori si apra, in modo che ci sia abbastanza umidità nei fiori da renderli facili da maneggiare. Tagliare gli steli lunghi da 12 a 15 pollici e rimuovere le foglie. Legate gli steli tra loro (per questo va bene un elastico, perché gli steli tendono a restringersi quando si asciugano) e appendeteli a testa in giù in un luogo asciutto e buio, con una buona circolazione d’aria. Saranno pronti per l’uso in 2 o 3 settimane.

Il miglior fogliame per l’essiccazione

L’essiccazione dei fiori permette di tenerli in mostra per mesi, forse anche anni, dopo che la pianta ha smesso di fiorire. Ci sono fiori, come la fragola (Xerochrysum bracteatum), che sembrano essiccarsi da soli, mentre altri sono troppo succulenti per essiccarsi completamente. Ecco alcuni consigli per scegliere i fiori da essiccare, i metodi di essiccazione e i suggerimenti per la conservazione.

  Pianta rampicante con fiori bianchi

Alcuni fiori si prestano meglio di altri all’essiccazione. I fiori ad alto contenuto d’acqua, come il sedum, non si essiccano bene. Di seguito è riportato un elenco parziale di fiori, tra cui le rose, che si prestano bene all’essiccazione, ma il modo migliore per imparare quali fiori funzionano è sperimentare. Tagliate sempre più fiori di quelli che vi serviranno, perché probabilmente ne perderete alcuni durante il processo di essiccazione.

The Spruce utilizza solo fonti di alta qualità, tra cui studi condotti da esperti, per supportare i fatti contenuti nei nostri articoli. Leggete il nostro processo editoriale per saperne di più su come controlliamo i fatti e manteniamo i nostri contenuti accurati, affidabili e attendibili.

Sonia Ricci

Sonia Ricci è una studentessa di biologia e blogger che scrive della sua prospettiva unica sulla scienza. Il suo blog tratta argomenti che vanno dalle ultime ricerche sull'impatto del cambiamento climatico alle opinioni sulle implicazioni etiche delle nuove tecnologie genetiche. Sonia è appassionata nel rendere la scienza accessibile a tutti e crede che tutti possano trovare qualcosa di interessante nella biologia se si prendono il tempo di cercarlo: seguite il suo blog per aggiornamenti regolari!