Semi di baobab come piantare

Semi di baobab come piantare

L’uomo che pianta il baobab

10 Semi di Baobab freschi Superfood.Nome: Albero di Baobab africano (Adansonia digitata)Uso: Superfood, Tè, Estratto come Antibiotico Naturale, Sostituto del Cafee, Antiossidante, Pianta (molto germinante)!Origine: Guinea (Africa occidentale), Collezione selvaticaIstruzioni per la coltivazione:Lasciare il manto del seme in ammollo in acqua tiepida per 24 ore, quindi posizionarlo sul substrato di coltivazione e premere leggermenteL’umidità deve essere mantenuta costante e i semi non devono seccarsi.Coprire il vaso con un foglio di alluminio possibilmente lasciando alcuni piccoli fori d’aria e aprendoli ogni giorno in modo che il tutto prenda aria e non ammuffisca.La temperatura deve essere superiore a 24°C fino a circa 30°C.Piccolo suggerimento:Si può limare un po’ la buccia dei semi prima di metterli in acqua con la lima da un lato. Poi l’acqua entra più facilmente nel nucleo, o, dopo l’ammollo in acqua per 24 ore, è più facile macinare il guscio duro, poi di nuovo in acqua per 24 ore.Perché il nucleo è circondato da un guscio duro, quindi anche l’ammollo in acqua o meglio 3% acqua ossigenata:-)

Bonsai di baobab

L’Adansonia digitata, il baobab, è la specie arborea più diffusa del genere Adansonia, i baobab, ed è originaria del continente africano. Questi pachycaul longevi si trovano tipicamente nelle savane secche e calde dell’Africa subsahariana, dove dominano il paesaggio e rivelano da lontano la presenza di un corso d’acqua.[2] Il loro tasso di crescita è determinato dalle acque sotterranee o dalle precipitazioni,[3][4] e la loro età massima, soggetta a molte congetture, sembra essere dell’ordine di 1.500 anni. [Sono stati tradizionalmente apprezzati come fonti di cibo, acqua, rimedi per la salute o luoghi di riparo e sono intrisi di leggende e superstizioni.[3] Gli esploratori europei di un tempo erano inclini a incidere i loro nomi sui baobab, e molti sono deturpati da graffiti moderni.[2]

  Come allontanare i moscerini dalle piante

I nomi comuni del baobab includono albero del topo morto (dall’aspetto del frutto[citazione necessaria]), albero del pane di scimmia (il frutto morbido e secco è commestibile), albero capovolto (i rami radi assomigliano a radici) e albero del cremor tartaro (crema di tartaro).

Formazione di bonsai di baobab

Germinazione dei semi di baobab: alcuni dicono che è facile, altri si lamentano del basso tasso di germinazione dei semi. Consigli e trucchi su come farli crescere sono facilmente reperibili, soprattutto su Internet. Alcuni sembrano avere successo gettando i semi in acqua bollente o in acido. Io non ho avuto successo con il primo e non ho provato con l’acido. Un giardiniere in Namibia ha tagliato un pezzo di seme con delle forbici da potatura. Ho provato a farlo, ma l’ho trovato piuttosto complicato, perché i semi sono difficili da tenere in mano.

Il semplice posizionamento dei semi nel terreno, come avviene in natura, ha avuto successo in alcuni casi. Grattando i semi e immergendoli in acqua calda per uno o due giorni si ottengono risultati migliori, ma il tasso di germinazione non mi soddisfaceva.

  Coltivare pianta kalanchoe come curarla

Ho quindi sperimentato i semi di baobab e il modo in cui coltivarli e prendersene cura. Per me funziona meglio se gratto, metto a bagno e infine sbuccio i semi. Poi li metto in un contenitore e li lascio germogliare per altri due giorni. Il contenitore ha l’effetto di una serra in miniatura. Mescolo il terriccio con la sabbia e lo metto in un vaso. Metto i semi germinati sul terriccio e li ricopro con sabbia di fiume grezza. Il tasso di germinazione dei semi di baobab è significativamente più alto con il metodo della pelatura.

Frutto di baobab

I semi, pacchetti perfettamente adattati che contengono tutti i requisiti per dare il via al viaggio di una pianta nel mondo, possono essere esigenti. Sebbene molti di essi prendano vita pochi giorni dopo essere stati seminati, altri non sono così collaborativi. Per alcune specie, tra cui il baobab di Perrier, a rischio di estinzione, è necessario un vero e proprio lavoro da detective per scoprire il segreto della germinazione.

Questa è stata la sfida che Madagasikara Voakajy (MV), partner di lunga data di Fauna & Flora International (FFI) in Madagascar, ha affrontato nel 2016. Sono stati sperimentati, con un certo successo, metodi che imitano il passaggio attraverso l’intestino di un animale, tra cui la rimozione del duro rivestimento esterno dei semi e l’immersione in acido. Ma gli scienziati di MV hanno scoperto che il modo migliore per incoraggiare la germinazione dei semi di baobab di Perrier era quello di sottoporli a un bagno in acqua bollente per 16 secondi precisi, che ha portato a una germinazione tra l’85 e il 90%. L’enigma era risolto.

  Sono indispensabili per la riproduzione delle piante complesse

Da allora, MV sostiene le comunità locali nella coltivazione di piante di baobab di Perrier per la reintroduzione, un approccio vitale dato il basso reclutamento di piantine in natura e la diminuzione del numero di alberi adulti. La conversione dei terreni all’agricoltura e l’estrazione dell’oro hanno ridotto la popolazione globale – confinata a una manciata di siti nel Madagascar settentrionale – a soli 162 alberi.

Sonia Ricci

Sonia Ricci è una studentessa di biologia e blogger che scrive della sua prospettiva unica sulla scienza. Il suo blog tratta argomenti che vanno dalle ultime ricerche sull'impatto del cambiamento climatico alle opinioni sulle implicazioni etiche delle nuove tecnologie genetiche. Sonia è appassionata nel rendere la scienza accessibile a tutti e crede che tutti possano trovare qualcosa di interessante nella biologia se si prendono il tempo di cercarlo: seguite il suo blog per aggiornamenti regolari!