Funghi bianchi nella terra delle piante

Funghi bianchi nella terra delle piante

Fungo verde chiaro che cresce nella mia pianta

Funghi degli Adirondack: Conosciuto anche come cappello della strega, l’Hygrophorus conicus è un piccolo fungo a lamelle che si dice sia velenoso. Si trova solitamente al suolo nelle foreste di conifere ed è ampiamente distribuito in Nord America. Diventa nero quando viene contuso. Hygrophorus conicus sul sentiero Heron Marsh del Paul Smith’s College VIC (8 agosto 2012)

I funghi sono organismi viventi che sono imparentati alla lontana con le piante e più strettamente con gli animali; sono classificati come un regno. Questo regno non fa parte di altri regni vitali, come le piante e gli animali.

I funghi degli Adirondack: L’Amanita flavoconia (macchie gialle) è un fungo a lamelle che cresce sul terreno in associazione micorrizica con la cicuta o altre conifere. Amanita flavoconia sul sentiero Heron Marsh del Paul Smith’s College VIC (23 luglio 2013).

I funghi si distinguono dalla maggior parte delle piante perché mancano di clorofilla e si basano su materiale organico per sopravvivere. Questo gruppo di organismi comprende lieviti e muffe, nonché funghi multicellulari che producono forme fruttifere note come funghi. Si stima che in tutto il mondo esistano dalle 10.000 alle 20.000 specie di funghi, di cui solo una parte è stata identificata.

Tipi di funghi nelle piante d’appartamento

Un fungo o rospo è il corpo fruttifero carnoso e portatore di spore di un fungo, tipicamente prodotto in superficie, sul terreno o sulla sua fonte di cibo. Il termine “rospo” indica generalmente un fungo velenoso per l’uomo.[1]

Lo standard per il nome “fungo” è il fungo bianco coltivato, Agaricus bisporus; quindi la parola “fungo” è più spesso applicata a quei funghi (Basidiomycota, Agaricomycetes) che hanno un gambo (stipe), un cappello (pileus) e lamelle (lamellae, sing. lamella) sul lato inferiore del cappello. Il termine “fungo” descrive anche una varietà di altri funghi a lamelle, con o senza gambo, quindi il termine è usato per descrivere i corpi fruttiferi carnosi di alcuni Ascomycota. Queste lamelle producono spore microscopiche che aiutano il fungo a diffondersi sul terreno o sulla superficie del suo occupante.

  Quando si pianta il basilico

Le forme che si discostano dalla morfologia standard hanno solitamente nomi più specifici, come “boleto”, “pallone gonfiato”, “stinkhorn” e “spugnola”, e gli stessi funghi a lamelle sono spesso chiamati “agarici” in riferimento alla loro somiglianza con l’Agaricus o con l’ordine Agaricales. Per estensione, il termine “fungo” può anche riferirsi all’intero fungo in coltura, al tallo (chiamato micelio) delle specie che formano i corpi fruttiferi chiamati funghi, o alla specie stessa.

Fungo in casa portafortuna

La cosa più importante da capire sui funghi è che sono semplicemente i corpi fruttiferi fuori terra di funghi che vivono nel terreno. La stragrande maggioranza della massa fungina si trova sotto terra, dove passa inosservata fino alla comparsa dei funghi. La stragrande maggioranza dei funghi è benefica. Sono decompositori che decompongono la materia organica morta e in decomposizione, come ceppi, vecchie radici o foglie. La maggior parte dei funghi non danneggia prati o giardini, ma è semplicemente un fastidio antiestetico.

I funghi crescono solo quando le condizioni ambientali sono giuste. Periodi prolungati di tempo umido e bagnato, come quelli che abbiamo avuto nelle ultime settimane, inducono i funghi a far crescere le strutture fruttifere. I funghi si disperdono in nuove aree attraverso le spore trasportate dal vento. Quando le spore atterrano in un luogo adatto, si sviluppano in nuovi funghi che, per un periodo di tempo sufficiente, svilupperanno funghi.

  Come vengono classificate le piante

I funghi spariranno da soli una volta che il tempo si sarà asciugato. Tenete presente che, sebbene questi corpi fruttiferi siano scomparsi, i miceli fungini continuano a crescere nel terreno. Il fungo continuerà a crescere e a persistere finché ci sarà molta materia organica di cui nutrirsi. I funghi emergeranno di nuovo non appena le condizioni di crescita saranno adatte, il che potrebbe non avvenire prima di un anno. Se non siete disposti ad aspettare che i funghi spariscano da soli, potete rimuoverli a mano o con il tosaerba. Sebbene la rimozione dei funghi in sé non influisca in alcun modo sui funghi presenti nel terreno, ridurrà il numero di spore rilasciate nell’ambiente e il numero di nuovi funghi in diverse aree del prato e del giardino. I fungicidi sono generalmente sconsigliati perché sono largamente inefficaci e i funghi non sono comunque dannosi.

Coltivazione di funghi in pianta d’appartamento

Andrea Beck ha trascorso più di tre anni scrivendo di cibo per Better Homes & Gardens prima di diventare assistente del redattore digitale di giardinaggio. Ora scrive di lifestyle, tra cui cibo, giardino, casa e salute per la rivista Seasons di Hy-Vee. Il suo lavoro è apparso su Food & Wine, Martha Stewart, MyRecipes e altri. Andrea ha conseguito una doppia laurea in riviste e inglese, con una minore in politica, presso la Drake University.

Non c’è bisogno di essere all’oscuro della coltivazione dei funghi. Questi gustosi camaleonti del mondo alimentare sono estremamente salutari: non contengono grassi, hanno poche calorie e sono ricchi di vitamine, antiossidanti e altri nutrienti. Possono persino aiutare a mantenere in salute il cervello. Le chiavi principali per coltivare i funghi in casa sono la creazione delle giuste condizioni di crescita e l’acquisizione di funghi da semina, che è il materiale utilizzato per la propagazione dei funghi. Utilizzate queste istruzioni passo-passo per coltivare funghi ostrica, portobello, shiitake e altro ancora.

  Cosa si pianta a settembre ottobre

I funghi crescono da spore (non da semi) così piccole da non poter essere viste a occhio nudo. Anziché dal terreno, queste spore si nutrono di sostanze come segatura, grano, paglia o trucioli di legno. Una miscela di spore e di queste fonti di nutrimento viene chiamata “fregola”. La fregola dei funghi agisce un po’ come lo starter necessario per fare il pane a lievitazione naturale.

Sonia Ricci

Sonia Ricci è una studentessa di biologia e blogger che scrive della sua prospettiva unica sulla scienza. Il suo blog tratta argomenti che vanno dalle ultime ricerche sull'impatto del cambiamento climatico alle opinioni sulle implicazioni etiche delle nuove tecnologie genetiche. Sonia è appassionata nel rendere la scienza accessibile a tutti e crede che tutti possano trovare qualcosa di interessante nella biologia se si prendono il tempo di cercarlo: seguite il suo blog per aggiornamenti regolari!