Cosa non piantare vicino alle melanzane

Cosa non piantare vicino alle melanzane

Aneto

La piantagione compagna è l’atto di raggruppare semplicemente una o più specie di piante diverse in modo che traggano beneficio nel loro insieme piuttosto che singolarmente. L’insieme è maggiore della somma delle sue parti. Lasciatevelo dire.

Considererei la melanzana una pianta moderata in termini di esigenze. Non è estremamente difficile da curare, ma allo stesso tempo non è facile. Quindi, se siete alle prime armi con la coltivazione delle melanzane, forse dovreste concentrare i vostri sforzi solo su questo.

Allo stesso tempo, uno svantaggio è che se si verifica un’infezione da parassiti, tutte le piante saranno infestate. Inoltre, potrebbe verificarsi una competizione tra le piante, dato che le loro esigenze nutritive sono simili.

I pomodori si sposano bene con le melanzane e molti piatti richiedono gli stessi ingredienti, quindi potete raccoglierli e coltivarli insieme. Fate attenzione alle foglie alte o grandi che impediscono alle melanzane di ricevere la preziosa luce del sole.

Coltivate i vostri peperoncini preferiti o i peperoni più delicati. Qualsiasi cosa vada bene. Possono anche aiutare a tenere lontani gli insetti dall’aiuola. Entrambe le varietà, dolce e piccante, hanno le stesse esigenze di coltivazione e sono ottime piante partner.

A cosa piace piantare le melanzane accanto?

I peperoni, sia dolci che piccanti, sono ottime piante da compagnia, poiché hanno le stesse esigenze di crescita e sono sensibili agli stessi parassiti e malattie. I pomodori sono spesso utilizzati come compagni delle melanzane. Anche in questo caso, assicuratevi di non ombreggiare la melanzana. Anche le patate e gli spinaci sono ottime piante da compagnia.

  Piante di lavanda quando piantarle

Le zucchine e le melanzane possono crescere insieme?

Crescono bene insieme in condizioni simili. Entrambe le piante sono prolifiche e bastano poche piante per produrre abbastanza frutti per uso fresco. Piantatene un po’ di più per conservarli in seguito o per condividerli con i vicini. Continuando a raccogliere, queste piante produrranno frutti in abbondanza per tutta la stagione.

Ravanello

I frutti lucidi e affascinanti delle melanzane sono sia deliziosi che ornamentali. Esistono molte varietà di questo frutto dall’aspetto esotico che variano per forma, dimensione e colore, dai tradizionali frutti grandi e a forma di campana, ai tipi asiatici allungati, ai piccoli frutti a forma di uovo. I colori variano dal viola più intenso e dai lavanda maculati al bianco brillante e persino al verde. Le melanzane sono gustose al forno, alla griglia, fritte, sottaceto, arrostite, saltate, ripiene… l’elenco è lungo.

Purtroppo, le melanzane sono afflitte da fastidiosi parassiti che possono danneggiare seriamente le piante e scoraggiare i giardinieri dal coltivare questo ortaggio versatile. Per mantenere le melanzane sane e produttive, seguite le migliori pratiche di coltivazione e sperimentate la coltivazione in compagnia.

La melanzana “Patio Baby” produce piccoli frutti viola scuro all’inizio della stagione e produce per tutta l’estate. Le piante raggiungono i 16-20″ di altezza, quindi sono ideali per i contenitori o i piccoli giardini. Nelle melanzane, gli antiossidanti si trovano nella buccia, che è meglio consumare quando i frutti sono giovani. In seguito, le bucce diventano dure e amare.

Calendula

Queste linee guida per la coltivazione in consociazione sono solo suggerimenti da tenere a mente. Ogni giardino è unico e nella fase di pianificazione è necessario tenere conto di molti fattori. Questi fattori includono l’esposizione al sole, il clima, l’ecologia, gli impollinatori, la popolazione di insetti, la struttura e la chimica del suolo e l’approvvigionamento idrico.

  Come piantare una pianta di kiwi

Protezione delle colture: La coltivazione in consociazione può offrire a una pianta più delicata un riparo dalle intemperie, come il vento o il sole, facendola crescere accanto a un’altra pianta che la protegga e la protegga, pur avendo essa stessa una difesa naturale contro le condizioni più avverse.

Coltura trappola: La coltivazione in consociazione è il sistema di gestione dei parassiti biologico per eccellenza. Alcune piante aiutano a respingere i parassiti indesiderati, mentre altre possono essere utilizzate per attirare i parassiti lontano dal giardino. Si tratta della cosiddetta coltivazione trappola.

Asparagi – Piantateli con astri, basilico, coriandolo, aneto, coriandolo, calendule, nasturzi, origano, prezzemolo, peperoni, salvia e timo. Gli asparagi respingono i nematodi che attaccano i pomodori e i pomodori respingono i coleotteri degli asparagi.

Basilico – Migliora il vigore e il sapore dei pomodori, piantati uno accanto all’altro. Va bene anche con asparagi, origano e peperoni. Il basilico aiuta a respingere afidi, coleotteri degli asparagi, acari, mosche, zanzare e il verme del pomodoro.

Pomodoro

LEGGI IL PROSSIMO ARTICOLO:    Come coltivare le piante di zucca – La guida completa all’agricolturaPossono essere utilizzate per distruggere gli scarafaggi delle pulci nel giardino. Tuttavia, non è consigliabile se non si conosce il metodo delle trappole.

  Piante di basilico come curarle

Afrikaans Albanese Amarico Arabo Armeno Azerbaijani Basco Bielorusso Bengali Bosniaco Bulgaro Catalano Cebuano Chichewa Cinese (semplificato) Cinese (tradizionale) Corso Croato Ceco Danese Olandese Inglese Esperanto Estone Filippino Finlandese Francese Frisone Galiziano Georgiano Tedesco Greco Gujarati Haitiano Creolo Hausa Hawaiano Ebraico Hindi Hmong Ungherese Islandese Igbo Indonesiano Irlandese Italiano Giapponese Giavanese Kannada Kazakh Khmer Coreano Curdo (Kurmanji) Kirghizistan Lao Latino Lettone Lituano Lussemburghese Macedone Malgascio Malay Malayalam Maltese Maori Marathi Mongolo Myanmar (Birmano) Nepali Norvegese Pashto Persiano Polacco Portoghese Punjabi Rumeno Russo Samoano Scozzese Gaelico Serbo Sesotho Shona Sindhi Sinhala Slovacco Sloveno Somalo Spagnolo Sudanese Swahili Svedese Tajik Tamil Telugu Thai Turco Ucraino Urdu Uzbeko Vietnamita Gallese Xhosa Yiddish Yoruba Zulu

Sonia Ricci

Sonia Ricci è una studentessa di biologia e blogger che scrive della sua prospettiva unica sulla scienza. Il suo blog tratta argomenti che vanno dalle ultime ricerche sull'impatto del cambiamento climatico alle opinioni sulle implicazioni etiche delle nuove tecnologie genetiche. Sonia è appassionata nel rendere la scienza accessibile a tutti e crede che tutti possano trovare qualcosa di interessante nella biologia se si prendono il tempo di cercarlo: seguite il suo blog per aggiornamenti regolari!