Come piantare un seme di marijuana

Come piantare un seme di marijuana

Come far germinare i semi di cannabis!

Molte persone non sanno bene quando piantare le loro colture. Qual è il periodo dell’anno perfetto per far germogliare i vostri semi in modo che tutto fili liscio come l’olio? Beh, questo dipende dal substrato in cui si coltiva, dagli accessori e dalle cose che si hanno a disposizione, ecc. Potete coltivare il raccolto perfetto in qualsiasi periodo dell’anno, a seconda di come lo fate e di ciò che avete a disposizione. Oggi vi mostreremo le tecniche per ottenere il massimo dalle vostre piante, indipendentemente dal periodo dell’anno.

Quando arriva la primavera sappiamo tutti che è il momento di iniziare a far germogliare i semi di marijuana per le coltivazioni outdoor. È la coltura più importante dell’anno, perché è quella in cui si può ottenere la maggiore produzione dell’intero anno. I coltivatori della vecchia scuola amano piantare i loro semi con la prima luna piena di marzo.

In questo modo, mentre i semi germinano, avranno luce anche di notte e non si allungheranno troppo nei primi giorni di vita. A volte, però, fa un po’ troppo freddo in quel periodo e, ovviamente, non si può piantare nello stesso periodo ovunque, ma stiamo parlando di un punto di vista spagnolo. Se vivete in un luogo con un clima molto freddo, le vostre piante impiegheranno molto più tempo a crescere e saranno stressate dal freddo o dal vento, il che creerà piante più deboli e più suscettibili a infestazioni e funghi.

Come si mettono i semi germinati nel terreno?

Non spingere il seme nel terreno. Fate invece un buco nel terreno per tutta la radice, tenetela in posizione e spingete delicatamente il terreno sopra di essa. Se il seme ha già delle foglie vere, assicuratevi che queste rimangano al di sopra del terreno. In poche settimane, le piantine dovrebbero essere pronte per essere piantate all’aperto, se il tempo si è riscaldato.

Mettete a bagno i semi prima di piantarli?

Come regola generale, i semi germoglieranno anche se non vengono messi in ammollo prima della semina, ma con l’ammollo il tempo di germinazione diminuisce e il tasso di germinazione aumenta. I semi che hanno un flusso continuo di umidità da assorbire hanno maggiori possibilità di successo.

  Quando piantare le piante di pomodoro

Si possono mettere i semi direttamente nel terreno?

Sì, è possibile piantare alcuni semi direttamente nel terreno. Si tratta della cosiddetta semina diretta o semina diretta. Alcuni semi possono essere seminati direttamente nel terreno, ma altri devono essere coltivati all’aperto. La semina diretta è una buona idea per gli ortaggi che non si trapiantano bene, come le carote e altre colture a radice.

Tre MODI FACILI PER GERMINARE i semi di cannabis

Coltivare la cannabis in casa può essere un progetto divertente e un modo piacevole per avere le proprie piante di cannabis a portata di mano. Potreste voler coltivare la cannabis in casa a causa del tempo inclemente nella vostra zona o per mancanza di spazio verde nel vostro giardino. Iniziate facendo germinare i semi. Quindi, piantate i semi nel terreno o in un cubetto di partenza. Una volta piantati i semi, curateli adeguatamente per farli crescere e prosperare.

Riassunto dell’articoloPer piantare i semi di cannabis in casa, immergere prima i semi in acqua tiepida di rubinetto per 12 ore. Scartate i semi che affiorano in superficie. Poi, mettete i semi su un tovagliolo di carta umido in un piatto con uno spazio di 2,5 cm tra un seme e l’altro. Coprite i semi con un altro tovagliolo di carta umido. Tenete i semi in un luogo che rimanga tra i 70 e i 27°C e spruzzate i tovaglioli di carta con acqua ogni volta che iniziano a seccarsi. I semi germoglieranno in 2-3 giorni. Quando spuntano, riempire i vasi o un vassoio di coltivazione per 3/4 con terriccio sciolto con un pH compreso tra 5,8 e 6,3. Premete leggermente il terriccio, lasciando un po’ d’aria. Poi, con una matita, praticate dei fori di 2,5 cm nel terreno. Posizionate i semi germogliati verticalmente nei fori e riempiteli con il terriccio. Innaffiate abbondantemente il terreno e collocate i vasi o il vassoio in un luogo che sia sempre a 75°F (24°C) o più caldo. Installate una luce di coltivazione sopra i semi e lasciatela sempre accesa. Innaffiate i semi ogni giorno per evitare che il terreno si secchi. Le piantine spunteranno in 2-4 settimane. Per sapere come usare le luci di coltivazione a luce bianca fredda per far crescere i vostri semi di cannabis, continuate a leggere!

  Sale sulle radici delle piante

Come piantare i semi di cannabis in casa

Coltivare la propria pianta di cannabis partendo dai semi è un viaggio straordinario.    Capire la biologia della pianta è una cosa, ma comprendere come un piccolo fagiolo miracoloso possa trasformarsi in un albero gigantesco che produce fiori in grado di influenzare il corpo e la mente è a dir poco un miracolo evolutivo. O piuttosto una storia di co-evoluzione tra pianta e uomo.

La cosa che preferiamo del coltivare la propria erba partendo da un seme, piuttosto che da un clone, è che si può assistere all’intero ciclo di vita e godere di una pianta unica, proprio come voi.    Un patrimonio genetico completamente nuovo entrerà per la prima volta nel mondo e, se siete fortunati, potrebbe nascere qualcosa di straordinario.

Crescere una piantina di cannabis, tuttavia, richiede un po’ di pazienza, mani delicate e un pizzico di fortuna.    Fortunatamente i semi di marijuana sono notevolmente vigorosi perché sono i cosiddetti semi endospermatici, il che significa che hanno foglie cotiledoni quasi preformate prima ancora di aggiungere l’acqua.    Di seguito vi forniamo una breve guida sulle tecniche che abbiamo riscontrato essere di maggior successo nell’avviare i semi e nel far crescere la piantina fino a farla diventare una pianta sana e pronta per il trapianto. E non dimenticate che i kit di coltivazione completi di Pot for Pot eliminano le congetture e vi permettono di ottenere sempre uno splendido raccolto!

Piantagione diretta di cannabis nel terreno

Nel video qui sotto potete vedere un confronto di germinazione. Sul lato sinistro, potete vedere 9 semi autofiorenti Think Different bianchi. Sul lato destro ci sono 9 semi Think Different di colore scuro.

  Come disegnare una scala in pianta

I semi autofiorenti provengono tutti dallo stesso lotto, il che significa che sono stati prodotti dalla stessa genetica parentale nelle stesse condizioni. I semi sono stati scelti semplicemente in base al loro aspetto. Sono stati selezionati 9 semi di cannabis bianchi e 9 semi di Think Different di colore scuro. Sono stati piantati in un terreno umido (ma mai inzuppato) ed è stato realizzato un video in time lapse.

Si noti che i semi di cannabis bianchi sul lato sinistro sono stati i primi a germogliare, con 8 dei 9 semi che sono germogliati abbastanza rapidamente. Alla fine tutti e 9 i semi sono germogliati su entrambi i lati, con un punteggio del 100%. In termini di semi bianchi e semi scuri (cannabis), non c’è stata alcuna differenza nei tassi di germinazione.

Anche i semi di cannabis prodotti dallo stesso ramo di una pianta possono avere un aspetto molto diverso. Le dimensioni, la forma e il colore possono variare. Alcune varietà di cannabis possono produrre semi con determinate caratteristiche estetiche. I semi di White Widow, ad esempio, possono essere spesso molto piccoli e pallidi. I semi di Frisian Dew possono avere un colore leggermente grigio.

Sonia Ricci

Sonia Ricci è una studentessa di biologia e blogger che scrive della sua prospettiva unica sulla scienza. Il suo blog tratta argomenti che vanno dalle ultime ricerche sull'impatto del cambiamento climatico alle opinioni sulle implicazioni etiche delle nuove tecnologie genetiche. Sonia è appassionata nel rendere la scienza accessibile a tutti e crede che tutti possano trovare qualcosa di interessante nella biologia se si prendono il tempo di cercarlo: seguite il suo blog per aggiornamenti regolari!