Come curare le piante carnivore

Come curare le piante carnivore

Terreno per piante carnivore

Sì, le piante carnivore possono sopravvivere in casa. Ma sono un po’ più impegnative della media delle piante d’appartamento. Se siete principianti o tendete a uccidere rapidamente le vostre piante, potreste voler fare un po’ più di pratica prima di tentare di mantenere in vita una pianta carnivora.

Può sembrare strano che il terreno possa essere troppo ricco per una pianta. Ma poiché le piante carnivore si sono evolute per affrontare terreni acidi e poveri di sostanze nutritive, è proprio di questo che hanno bisogno oggi! Il fertilizzante o il terreno ricco possono uccidere la pianta.

Il problema è che le trappole di Venere non sono così facili da gestire. Infatti, per mantenersi in salute, devono andare in dormienza ogni anno. Le trappole di Venere si sono evolute in un clima temperato dove praticamente vanno in letargo per diversi mesi all’anno.

Se tenete le vostre trappole di Venere in casa e non lasciate che vadano in dormienza durante l’anno, moriranno molto prima (2-3 anni in generale). Se avete una zona fresca della casa, che si mantiene tra i 35 e i 55 gradi, potete mettere le vostre piante lì per l’inverno. Assicuratevi di introdurle gradualmente alla dormienza, proprio come se fossero in natura. Avranno comunque bisogno di un po’ di luce solare. Se non si dispone di uno spazio apposito, è difficile prendersi cura della trappola di Venere in modo adeguato.

Le piante carnivore hanno bisogno di luce solare?

Coltivare le piante carnivore al sole

Le piante carnivore rustiche crescono in condizioni calde, con molta luce in primavera e in estate: coltivatele quindi su un davanzale soleggiato, in una serra o in un patio soleggiato.

  Coltivare pianta kalanchoe come curarla

Le piante carnivore amano essere nebulizzate?

Molte piante come Ficus, Monstera, Calathea, Felci e molte altre non hanno bisogno o non amano essere nebulizzate. D’altro canto, piante come le Bromeliacee, le Tillandsie, le Orchidee e le Piante Carnivore amano avere l’acqua in eccesso sulle foglie e sulle radici.

Annaffiare le piante carnivore

A differenza di altre piante brocche, la pianta cobra non intrappola l’acqua piovana nelle foglie o nella brocca. Al contrario, riempie la propria brocca con l’acqua assorbita, che poi pompa e rilascia dalle radici.

Le foglie della drosera a foglie rotonde sono disposte a rosetta. Queste foglie sono ricoperte da una mucillagine zuccherina che attira gli insetti. Anche il suo colore brillante contribuisce ad attirare gli insetti.

Questa carnivora non prende le prede dall’aria come la maggior parte delle altre piante carnivore. Le prede vengono invece catturate dalle sue foglie sotterranee altamente specializzate che intrappolano le prede dal terreno, in genere protozoi.

Se tenete la vostra pianta carnivora in casa, assicuratevi di collocarla in posizioni soleggiate, come i davanzali. In inverno, invece, portatele fuori o mettetele in luoghi più freschi, a circa 7°C, per esporle alle temperature più rigide.

Piante carnivore da terrario

La maggior parte delle piante che teniamo in casa proviene da aree che generalmente hanno un’umidità superiore a quella che le nostre case o i nostri appartamenti possono offrire. È quindi logico che sia necessario nebulizzarle, non è vero?

Se volete aumentare il livello di umidità intorno alle vostre piante, dovrete nebulizzare l’aria che le circonda ogni pochi minuti per fare effettivamente la differenza. Spruzzare le foglie della pianta non aiuta a risolvere il problema.

  Come arredare con le piante

L’eccesso di acqua sulle foglie può causare malformazioni fogliari, radici, muffe o funghi. Può anche contribuire alla diffusione di malattie: se le piante sono raggruppate e una di esse è colpita da una malattia o da animali domestici, l’acqua in eccesso di una pianta appena nebulizzata può gocciolare dalla pianta colpita sulle altre piante sane, trasportando particelle nocive lungo il percorso.

La nebulizzazione aumenta anche l’umidità del terreno, favorendo la crescita di muffe e attirando i moscerini del fungo. Molte piante come Ficus, Monstera, Calathea, Felci e molte altre non hanno bisogno o non amano essere nebulizzate. D’altro canto, piante come le Bromeliacee, le Tillandsie, le Orchidee e le Piante Carnivore amano avere l’acqua in eccesso sulle foglie e sulle radici.

Cura delle piante da brocca

Le piante carnivore sono le celebrità del mondo vegetale. Mentre i fichi a foglia di violino e le ninfee della pace vengono presentati nelle riviste e nei siti web come la tendenza più in voga della stagione, le piante carnivore rimangono un po’ un mistero.

Una pianta che sopravvive principalmente intrappolando e consumando insetti e altri arropodi, le piante carnivore godono di un certo rispetto e non vengono mai trattate come una tendenza passeggera. In effetti, la leggenda delle piante carnivore è stata immortalata nel classico cult del 1986, il film rock americano commedia horror La piccola bottega degli orrori.

La pianta della coppa di scimmia si trova in aree tropicali come il Borneo, Sumatra e la Malesia. La pianta carnivora è nota come coppa di scimmia perché le scimmie sono state viste bere acqua da essa nelle foreste pluviali, poiché le liane della coppa di scimmia producono una foglia chiamata brocca che, secondo Hungry Plants, a volte può essere abbastanza grande da contenere più di un litro d’acqua. Le loro coppe raccolgono e digeriscono passivamente le prede.

  L amore è come una pianta

Esistono circa 200 specie di drosere e variano tutte in modo molto diverso per forma, dimensioni ed esigenze di crescita. La maggior parte di esse è ricoperta da tentacoli con punte ricoperte di colla e, secondo quanto riportato da Carnivorous Plants UK, questi tentacoli possono muoversi, aiutando la Drosera a soffocare e digerire rapidamente gli insetti rimasti bloccati.

Sonia Ricci

Sonia Ricci è una studentessa di biologia e blogger che scrive della sua prospettiva unica sulla scienza. Il suo blog tratta argomenti che vanno dalle ultime ricerche sull'impatto del cambiamento climatico alle opinioni sulle implicazioni etiche delle nuove tecnologie genetiche. Sonia è appassionata nel rendere la scienza accessibile a tutti e crede che tutti possano trovare qualcosa di interessante nella biologia se si prendono il tempo di cercarlo: seguite il suo blog per aggiornamenti regolari!