Come curare la pianta di giada

Come curare la pianta di giada

Propagazione delle piante di giada

Le piante di giada sono facili da curare e sono ottime piante da appartamento. In questo post vi mostrerò tutto quello che c’è da sapere sulla coltivazione delle piante di giada. Include consigli su acqua, fertilizzanti, potatura, fioritura, terreno, luce solare e molto altro ancora!

Le piante di giada sono un punto fermo della mia collezione di piante da interno e sono facilissime da curare! Ricevo tonnellate di domande dai lettori che mi chiedono dettagli su come coltivare una pianta di giada, ecco perché ho scritto questo post!

Molti giardinieri del nord sono sorpresi di sapere che le piante di giada possono fiorire. Nei climi più caldi, dove crescono all’aperto tutto l’anno, fioriscono durante l’inverno. Ma è molto raro che fioriscano in casa senza aiuto.

Possono anche sopravvivere a brevi periodi di gelo, ma iniziano a soffrire se il freddo è troppo prolungato. Assicuratevi quindi di proteggerle o di spostarle all’interno se la temperatura sarà inferiore a 40°F per molto tempo.

Il vaso migliore per una pianta di giada è l’argilla, soprattutto se si tende a innaffiare troppo. I vasi di argilla aiutano a eliminare l’umidità dal terreno, consentendogli di asciugarsi più rapidamente e riducendo la possibilità di annaffiare troppo.

Le piante di giada hanno bisogno di luce solare diretta?

Le piante di giada devono ricevere almeno 6 ore di luce intensa al giorno. Le piante giovani devono essere tenute in una luce solare luminosa e indiretta; le piante di giada grandi e ben consolidate possono sopportare una luce solare più diretta.

Quanto spesso si annaffia una pianta di giada?

Quando innaffiare una pianta di giada? In condizioni di crescita normali, una pianta di giada in vaso di argilla va annaffiata ogni 10-14 giorni. Una pianta di giada in un vaso di plastica ha bisogno di essere annaffiata ogni 2 o 3 settimane. Come piante grasse, le piante di giada trattengono l’acqua nelle foglie.

  Cosa si pianta a luglio nell orto

Dove collocare le piante di giada in casa?

Per favorire la salute, l’armonia e la prosperità degli affari, collocate la pianta di giada in direzione est. Se invece si desidera promuovere la creatività e la fortuna dei bambini, si consiglia di collocarla in direzione ovest. Tenere la pianta nell’angolo sud-est della stanza o sulla scrivania è molto favorevole e di buon auspicio.

Significato della pianta di giada

Jon VanZile è un maestro giardiniere che ha scritto contenuti per The Spruce per oltre un decennio. È autore di “Houseplants for a Healthy Home” (Piante da appartamento per una casa sana) e i suoi scritti sono apparsi anche sul Chicago Tribune e su Better Homes & Gardens, tra gli altri. Jon ha iniziato a collezionare piante oltre 10 anni fa e mantiene una crescente collezione di piante rare e tropicali.

Sonya Harris è una pluripremiata esperta di giardinaggio con due decenni di esperienza nell’insegnamento e nella condivisione delle sue vaste conoscenze sul giardinaggio in piccoli spazi. È una Master Gardener e fondatrice del pluripremiato Bullock Garden Project nel New Jersey. Sonya ha scritto per il sito Martha Stewart Living, ha vinto il premio One to Watch della rivista South Jersey ed è anche membro del comitato di revisione di The Spruce Gardening and Plant Care.

La pianta di giada è una popolare pianta grassa d’appartamento con foglie carnose e ovali e steli spessi e legnosi che assomigliano a piccoli tronchi d’albero. Con un po’ di cure, può raggiungere un’altezza compresa tra i 3 e i 6 piedi, ma lo fa lentamente, guadagnando circa 5 cm all’anno.

  Come allontanare i moscerini dalle piante

Foglie della pianta di giada che cadono

La pianta di giada o Crassula ovata è sicuramente una delle piante d’appartamento più comuni. Ha fusti spessi e legnosi e foglie di forma ovale, che la fanno assomigliare a un albero in miniatura. Questo aspetto ha fatto guadagnare alla pianta di giada un posto di rilievo nell’elenco delle piante d’appartamento decorative più ricercate. La pianta di giada può vivere a lungo e raggiungere un’altezza di 90 cm o più quando cresce in casa.

Come ogni altra pianta, la pianta di giada lascia cadere naturalmente le foglie più vecchie man mano che cresce. Tuttavia, se si nota un aumento del tasso di perdita delle foglie, questo può indicare un problema. Nella maggior parte dei casi, è necessario modificare il programma di irrigazione o controllare che la pianta non sia infestata da parassiti. Altri motivi possono essere la scarsa illuminazione o le basse temperature.

Il programma di irrigazione può essere il motivo principale per cui la pianta di giada perde le foglie. Questa succulenta è sensibile al marciume radicale e non ama essere troppo bagnata. Non bisogna mai lasciare il vaso della pianta in acqua stagnante. Se le foglie iniziano a ingiallire e a cadere, bisogna innanzitutto controllare il terreno. Se è inzuppato o umido, trattenete l’acqua e assicuratevi che il terreno si asciughi completamente.    Se i rami o il tronco della pianta di giada presentano parti molli, è necessario rimuovere la pianta dal vaso e lavare via il terreno dalle radici. Tagliate quindi i rami o le radici molli e rinvasate la pianta nella nuova miscela di terriccio. È necessario utilizzare un vaso pulito per evitare infezioni fungine alle radici.

  Come disporre le piante in casa

Parassiti delle piante di giada

La giada è una delle mie piante grasse preferite in assoluto. È facile da coltivare. Non ha bisogno di molte cure o attenzioni. E vi fa sembrare una regina se la regina si sedesse sul Trono di Spade, solo che il trono è fatto di piante d’appartamento invece che di spade di persone morte.Ogni appassionato di piante grasse che si rispetti ha una pianta di giada (o 12). Conosciuta per il suo portamento arboreo e le sue foglie a forma di paletta, la giada è bella, facile da coltivare e – sentite questa – può sopravvivere a voi. È vero! La giada è nota per la sua lunga durata. Prendetevi cura della vostra e potrebbe vivere abbastanza a lungo da parlare male di voi ai vostri nipoti. È quello che vuole la natura.

Sonia Ricci

Sonia Ricci è una studentessa di biologia e blogger che scrive della sua prospettiva unica sulla scienza. Il suo blog tratta argomenti che vanno dalle ultime ricerche sull'impatto del cambiamento climatico alle opinioni sulle implicazioni etiche delle nuove tecnologie genetiche. Sonia è appassionata nel rendere la scienza accessibile a tutti e crede che tutti possano trovare qualcosa di interessante nella biologia se si prendono il tempo di cercarlo: seguite il suo blog per aggiornamenti regolari!