Come creare un aiuola con piante perenni

Come creare un aiuola con piante perenni

Piani di giardino perenni 3 stagioni

Le piante perenni non sono diverse dagli arbusti, ma a differenza di questi ultimi non hanno parti legnose al di sopra del terreno. I loro steli e ramoscelli sono morbidi e flessibili. La maggior parte delle piante perenni muore in superficie alla fine della stagione di giardinaggio, ma germoglierà di nuovo l’anno successivo.

Le “perenni di punta” sono le piante perenni che spiccano durante la fioritura nell’aiuola. A seconda della stagione, altre piante sono protagoniste. In seguito, dovrete scegliere piante di accompagnamento o di riempimento adatte a far brillare le vostre stelle.

Assicuratevi di scegliere la posizione giusta per le vostre piante perenni. Queste piante prediligono un’ampia varietà di posizioni diverse, quindi scegliete con cura quali piante piantare e dove. Questo vi aiuterà a tracciare una mappa del vostro giardino in base alle piante che necessitano di determinate condizioni di impianto. Alcuni parametri da considerare sono:

Altri elementi a cui pensare sono le piante da riempimento che desiderate e l’altezza a cui cresceranno le piante nel vostro giardino. Gli arbusti di grandi dimensioni devono essere pianificati con attenzione per evitare che mettano in ombra le piante più piccole. È importante pensare anche ai tempi ottimali di piantagione e alla cura delle piante.

Giardino soleggiato e di facile manutenzione

L’architetto paesaggista Hugh Burnett ama creare quello che definisce “un giardino botanico”: un luogo in cui le piante sono protagoniste e l’aspetto è sciolto e morbido piuttosto che rigido e formale. È proprio questo l’approccio adottato in questo giardino di Sydney, dove una grande casa dell’epoca della Federazione si trovava in un piccolo appezzamento di terreno. “I proprietari volevano attenuare l’effetto della prominenza della casa nell’isolato”, spiega Hugh, che ha scelto di concentrarsi su morbide piante perenni in aiuole organiche e fluenti. “Per questo motivo abbiamo scelto piante che cambiano a seconda delle stagioni”. Per questo tipo di giardino, Hugh dice di usare gli elementi paesaggistici duri per creare una struttura e poi ammorbidirli con le piante. Evitate i bordi rigidi e duri, lasciando che i sentieri si riversino nei giardini e che i giardini si riversino sulle superfici dure. In questo modo il materiale vegetale forma una curva morbida e non costretta che si integra con il flusso del giardino.1 / 0Per il sentiero anteriore è stata utilizzata una pavimentazione in pietra arenaria, affiancata da piante perenni morbide come la menta gatta (Nepeta x faassenii), le orecchie d’agnello (Stachys byzantina), la lavanda (Lavandula dentata), l’euforbia, l’iris barbata (Iris germanica) e il biancospino indiano (Rhaphiolepis ‘Oriental Pearl’). Accanto al sedile si trova il Plectranthus argentatus dalle foglie argentate.

  Come togliere una pianta dal terreno

Idee per aiuole a bassa manutenzione

Iniziare un giardino da zero può sembrare scoraggiante per un giardiniere alle prime armi! Ma noi vi abbiamo pensato con tonnellate di idee fantastiche e progetti di giardini gratuiti per ogni tipo di giardino, sia esso grande e vasto o piccolissimo. Per cominciare, osservate l’area in cui volete piantare: Riceve il pieno sole, cioè 6 o più ore al giorno? O forse riceve solo una parte del sole, cioè circa la metà, o l’ombra completa. Osservate l’area per qualche giorno per capire cosa succede a che ora del giorno. Pensate anche ai cambiamenti stagionali. Ad esempio, un’area che è in ombra in estate può essere in pieno sole in primavera. Questo determinerà quali piante potranno prosperare in quell’area. È fondamentale leggere attentamente i cartellini delle piante e assicurarsi che una perenne, un arbusto o un albero possano sopravvivere agli inverni della vostra zona USDA Hardiness (trovate la vostra qui). È anche importante essere pazienti, perché i giardini non si costruiscono dall’oggi al domani! Si evolvono nel corso degli anni, man mano che si impara a conoscere meglio le piante che si amano. E sia che siate giardinieri esperti o principianti, Madre Natura continuerà a riservarvi colpi di scena e sorprese lungo il cammino. Il punto è che non si finisce mai di imparare sulle piante e sul giardino. Quindi, accettate le sfide, godetevi le sorprese inaspettate e continuate a leggere per scoprire molte piante da giardino e idee di allestimento per la vostra oasi in giardino.

  Come si pianta il riso

Design del giardino

Come si fa a sapere quando rifare le aiuole del proprio giardino? Molti proprietari di case rifanno le loro aiuole stagionalmente con una piccola rinfrescata in primavera, ma altri potrebbero trovare le loro aiuole invase dalle erbacce e con un disperato bisogno di un po’ di cura.

Anche se rifare un’aiuola può sembrare un compito scoraggiante, siamo qui per guidarvi attraverso il processo di sgombero e costruzione di un’aiuola fai da te di cui anche un paesaggista professionista potrebbe essere orgoglioso.

Per trasformare davvero la vostra aiuola vecchia e troppo cresciuta in una nuova e rigogliosa, dovete partire da una tabula rasa. Ciò significa dividere o rimuovere le vecchie piante perenni, che possono essere messe in vaso se sono sane, e sbarazzarsi di tutte le erbacce, che di solito vivono in condizioni che non favoriscono le altre piante. L’aiuola deve essere disabitata ma avere un aspetto pulito.

  Quando piantare i porri invernali

Lo scopo principale della preparazione di un’aiuola è quello di migliorare la fertilità e il drenaggio del terreno. Per preparare leggermente un’aiuola quando si mantengono le caratteristiche esistenti, è necessario eliminare le erbacce e aggiungere al terreno la materia organica. La materia organica è materiale vegetale o animale in decomposizione attiva, come il compost o il letame, che migliora la qualità e la fertilità del terreno. Se avete intenzione di fare una revisione più ampia, seguite i passaggi seguenti per rifare completamente un’aiuola esistente.

Sonia Ricci

Sonia Ricci è una studentessa di biologia e blogger che scrive della sua prospettiva unica sulla scienza. Il suo blog tratta argomenti che vanno dalle ultime ricerche sull'impatto del cambiamento climatico alle opinioni sulle implicazioni etiche delle nuove tecnologie genetiche. Sonia è appassionata nel rendere la scienza accessibile a tutti e crede che tutti possano trovare qualcosa di interessante nella biologia se si prendono il tempo di cercarlo: seguite il suo blog per aggiornamenti regolari!